Dark Sun – A Little of Knowledge – il Gaj

Scena 10 sera del secondo giorno di viaggio

Dopo L’incontro con il demone e il defiler sembra opportuno accamparsi la sera e fare il punto della situazione.

Obiettivi: Vendicarsi della donna non morta

Vendicarsi della sorella di Sheeba

Scoprire chi ci sta osservando

Difendere Delkash dal re stregone e dall’alta sacerdotessa

Studiare il libro di magia del re stregone Kalid-Ma

Sviluppare la sotto trama di Muko

Arrivare a Tyr

Personaggi non giocanti

Aleka, guardia carovaniera fortemente disinibita, è ora libera e sotto la protezione di Kurik.

Delkash amante del re Kali-Ma che si è invaghita di Sheeba. È anche un libro degli incantesimi vivente.

Ex schiavi, 4 prigionieri del carro sono ancora vivi ci seguono con ritrosia

Abilità 4 resistenza 5 danno 2

Muko, un vagabondo molto fortunato che vuole investigare i misteri di Kled.

Leigh’un, druido halfling, contrariato poiché per la nostra sopravvivenza abbiamo deciso di attaccare un nido di insetti. Ci lascerà alla prima oasi o villaggio che incontreremo.

Sheeba, nobile in disgrazia

Dopo gli eventi inaspettati della distesa vetrificata appare opportuno alzare il fattore caos a 6. Tiro un tre quindi la scena è alterata. Non erano previsti mostri erranti ma evidentemente mi sbagliavo.

Volevo parlare con Sheeba di come vanno le cose con Delkash, ma veniamo interrotti da un orribile rettile

Continua a leggere

Five Minute Map #4

I know that this is an old map but i want find an use for it, probably for a Kata Kumbas adventure

Dyson's Dodecahedron

This particular Five Minute Map went way better than my prior ones – I got a lot more cross-hatching and detail into the map before the time limit reared it’s ugly head.

Five Minute Map #4 Five Minute Map #4

A small cliff-face with a path leading up along the edge with two caves – the second cave is accessed by crossing a small bridge between ledges, and then down a small switchback.

Drawn last Friday as my #FridayFiveMinuteMap (check out the hashtag on Google+ for other awesome mini-maps drawn by the community!)

View original post

Dark Sun – A Little of Knowledge – Un covo di Demoni

Ci sono volte giocando in solitario i vari generatori casuali, chiamateli tabella del destino, oracoli tarocchi o come preferite riescono a creare un livello di inaspettato e di imprevisto che supera la perversa fantasia di molti game master.

La giocata di oggi è un esempio di tali eventi e di come il mix di Mythic, Iron Sworn e Dimensione Avventura sia riuscito a superare se stesso in fatto di eventi inaspettati. Il risultato finale è stato molto divertente anche se è poco ortodosso per i canoni dell’ambientazione di Darksun, ancora meno ortodosso del considerare che la città di Kalindai non sia stata inghiottita dalle nebbie di Ravenloft.

Nulla di tutto questo era presente nell’avventura originale, A Little of Knowledg

In ogni caso questo è un esperimento per non arrendersi in attesa di tempi migliori, il rispetto del canone è l’ultimo dei problemi.

Scena 9 secondo giorno di viaggio

Oggi non ci sono eventi particolari quindi abbiamo solo il viaggio nel deserto e l’incontro con eventuali mostri erranti, salvo imprevisti

Obiettivi: Vendicarsi della donna non morta

Vendicarsi della sorella di Sheeba

Scoprire chi ci sta osservando

Difendere Delkash dal re stregone e dall’alta sacerdotessa

Studiare il libro di magia del re stregone Kalid-Ma

Sviluppare la sotto trama di Muko

Arrivare a Tyr

Personaggi non giocanti

Aleka, guardia carovaniera fortemente disinibita, è ora libera e sotto la protezione di Kurik.

Delkash amante del re Kali-Ma che si è invaghita di Sheeba. È anche un libro degli incantesimi vivente.

Ex schiavi, 4 prigionieri del carro sono ancora vivi ci seguono con ritrosia

Abilità 4 resistenza 5 danno 2

Muko, un vagabondo molto fortunato che vuole investigare i misteri di Kled.

Leigh’un, druido halfling, contrariato poiché per la nostra sopravvivenza abbiamo deciso di attaccare un nido di insetti. Ci lascerà alla prima oasi o villaggio che incontreremo.

Sheeba, nobile in disgrazia

Non essendoci stati gravi imprevisti il fattore caos scende a cinque, tiro un due quindi la scena sarà tutto fuorché tranquilla

Vediamo cosa propongono le tabelle di In a Wiked Age.

Trattandosi di un evento contenuto nel tempo tiro su una sola tabella, proviamo con L’Inquieto Passato

Un luogo dove demoni in guerra han lasciato il terreno arato, sollevato, e carico di forze occulte, e lo stregone che ne cerca il potere.

Penso che nella prossima scena il fattore caos sarà destinato ad alzarsi di nuovo.

Camminiamo nel deserto mentre l’ambiente comincia a modificarsi attorno a noi. Iniziano a spuntare lastre di ossidiana e di sabbia verificate? Tiro un sì

Avanzando l’aria diventa pesante, si intravedono sporadicamente lampi e si odono sfrigolii nell’aria? Tiro un sì eccezionale. Quindi siamo in realtà molto vicini all’epicentro magico.

Il terreno si corrompe sempre maggiormente, la sabbia diventa nera e spuntoni di roccia verificata sempre più grandi emergono dal terreno.

Secondo Sheeba siamo in un luogo in cui in passato si è combattuta una delle battaglie che hanno contribuito a rendere Athas il mondo morto che conosciamo oggi.

Ora serve generare un incontro sufficientemente pittoresco che possa accadere in un luogo devastato da demoni e defiler.

Una breve ricerca fra varie fonti di ispirazione e mi ricordo della iena gigante del gioco di Nemesis. Si tratta di un animale enorme nel cui corpo sono impiantati pezzi di pietra maledetta, mi pare molto appropriato.

Iena mutata

Abilità 5 resistenza 24 attacchi 3 danno 3

Malapietra: evita tutto il danno di un colpo andato a segno Tirando 6 con un dado

Sconfitta la iena scopriamo che la pelle della iena può essere utilizzata per creare un corpetto di cuoio che fornisce +3 resistenza

Uno del gruppo può inoltre utilizzare un frammento di pietra piantarlo nella propria carne. Ha 3 punti in meno di resistenza finché mantiene la pietra nel corpo, ma guadagna l’abilità di evitare tutto il danno di un colpo andato a segno Tirando 6 con un dado.

Penso che prenderò io la pietra mentre Sheeba proverà a fabbricare un’armatura con la pelle della iena.

Proseguiamo e ci troviamo difronte a una delle creature che sono state origine di questo scempio? Tiro un sì.

Demone Abishai rosso

Abilità 6 resistenza 21 attacchi 3 danno 2

Le armi non magiche fanno un danno in meno con un minimo di uno.

Il demone è rimasto intrappolato nei tempi passati e da allora non è più riuscito a scappare da Athas. Non ha voglia raccontare quale sia il suo passato ma impreca maledicendo lo stregone che gli sta dando la caccia e che sta rubando l’energia oscura presente nel terreno.

Il nostro gruppo dal suo punto di vista è solo un ostacolo che gli impedisce di concentrarsi a sconfiggere lo stregone.

Speravamo di evitare lo stregone, ma era chiaramente impossibile in questa distesa desolata di sabbia nera e spuntoni di roccia verificata. Non c’è nessun punto dove nascondersi e lo stregone riesce facilmente a trovarci.

Defiler

Abilità 7 resistenza 20 attacchi 1 danno 6

Prosciugare la vita: ogni volta che un personaggio ferisce con successo il defiler perde un punto di resistenza

Il defiler è arrabbiato con i personaggi perché hanno ucciso il suo animale da compagnia, su cui aveva sperimentato i poteri delle pietre demoniache, appare chiaro che è in grado di attingere alla forza oscura di questo terreno contaminato

Il defiler a livello di oggetti di uso pratico non può essere in possesso di nulla di interessante.

Sheeba cerca se c’è qualcosa che può aiutarla a decifrare il libro magico vivente di Kalin-Ma, trova degli appunti che potrebbero portarla molto più vicina alla soluzione del suo enigma.

Sconfitto lo stregone ci allontaniamo da questa zona maledetta prima che vomiti altri orrori contro di noi.

Gli ultimi incontri hanno rallentato la nostra marcia nel deserto? Purtroppo tiro un sì, dovremo viaggiare altri due giorni prima di arrivare all’oasi e abbiamo cibo e acqua sufficiente solo per un altro giorno.

Dark Sun – A Little of Knowledge – Il nido degli Arakocha

Dopo una breve parentesi di articoli su riflessioni estemporanee, riprendo la cronaca del mio esperimento con l’ambientazione di Dark Sun, il regolamento di Dimensione Avventura / Fighting Fantasy e l’emulatore di Dungeon Master di Mythic

Scena 8 il nido degli Arakocha, nel nido degli insetti speriamo di trovare il cibo per sopravvivere al viaggio nel deserto.

Obiettivi: Vendicarsi della donna non morta

Vendicarsi della sorella di Sheeb

Scoprire chi ci sta osservando

Difendere Delkash dal re stregone e dall’alta sacerdotessa

Studiare il libro di magia del re stregone Kalid-Ma

Sviluppare la sotto trama di Muko

Arrivare a Tyr

Saccheggiare il nido degli Arakocha

Personaggi non giocanti

Aleka, guardia carovaniera sadica e fortemente disinibita, attualmente è schiava di Sheeba seviziata da lei e dagli ex schiavi

Delkash amante del re Kali-Ma che si è invaghita di Sheeba. È anche un libro degli incantesimi vivente.

Abilità 7 resistenza 12 danno 2

Insensibile al dolore: ignora il danno del primo attacco andato a segno di ogni combattimento.

Ex schiavi, 4 prigionieri del carro sono ancora vivi ci seguono con ritrosia

Abilità 4 resistenza 5 danno 2

Muko, un vagabondo molto fortunato

Leigh’un, druido halfling, contrariato poiché per la nostra sopravvivenza abbiamo deciso di attaccare un nido di insetti.

Sheeba, nobile in disgrazia

Il fattore caos scende a sei. Tiro un sette, non ci sono imprevisti all’inizio di questa scena.

Continua a leggere

Kata Kumbas – La regione dei laghi 10 anni dopo.

La prima bozza della regione dei laghi l’avevo concepita nel lontano 2011, per ambientare le avventure di Camelia Farnese, la dama delle spine, personaggio interpretato da No’Akei in una campagna per Kata Kumbas, che abbiamo giocato via Skype con tutti i problemi connessi all’Adsl dell’epoca.

La regione dei laghi, a Sud di Maro, è terra di cacciatori, di eroi e ruffiani iperborei, viene citata nel gioco di Kata Kumbas per la prima volta nell’avventura l’Isola della Peste per il gioco di ruolo di Kata Kumbas.

La zona è il corrisponente di ciò che in Italia è la zona compresa fra frascati, Castel Gandolfo, Albano e Nemi.

Il lago di Imen è sede del culto della dea della caccia che è in via di decadenza, è tradizione che il nuovo custode del lago debba sconfiggere in combattimento il precedente sacerdote della Dea.

Castel Foldagno è una roccaforte avanzata del Nuovo culto da cui il nuovo popolo sta cercando di evangelizzare la zona .

Nei villaggi convivono ancora in maniera a volte pittoresca e altre crudele i vecchi riti dei culti delle divinità pristine ed elementi della nuova fede che sta lentamente prendendo piede.

Strane cose abitano i boschi…

La caratteristica di Kata Kumbas è di trasportare i luoghi dell’Italia su Laitia, reinventandoli nel mondo di Rarte, con le curiosità e imiti propri della zona, dove Castel Gandolfo diventa Caste Foldagno e Albano diventa Balano.

Sono passati 10 anni da quando ho camminato nei boschi della zona dei laghi come Magister, mi piacerebbe ora di ritornarci come giocatore per chiudere alcune questioni irrisolte

In dieci anni è passata molta acqua sotto i ponti, io e No’Akei abbiamo preso strade diverse, per alcuni anni ho trascurato il blog, ma in me la passione per Kata Kumbas rimane invariata.

Il ritorno di Katerine Ferrer la Wicked Lady

Sto provando a fare un esperimento per adattare le regole di dimensione Avventura anche a Kata Kumbas, per un eventuale futura one shot di gioco in solitario. Per giocare serve un personaggio e chi meglio della Wicked Lady per iniziare un’avventura in stile Brancaleone? Se non sapete chi sia questa signora vi consiglio questo articolo di Davide Mana.

Onestamente non apprezzo totalmente il regolamento originale del gioco di Kata Kumbas e non sono riuscito a trovare interessante la versione di Kata Kumbas per savage worlds, anche se ne possiedo una copia per nostalgia. Come accennavo in un precedente articolo entrambi i regolamenti sono troppo complessi per essere adatti allo stile di gioco con Mythic, specie in questo periodo che, causa smart working tutti i tavoli di casa sono occupati e quindi per giocare sfrutto lo split screen del cellulare.

La versione del regolamento che uso di solito è la guida al regolamento di Dimensione Avventura di Librogame’s Land. In questo caso sto valutando anche l’ipotesi di utilizzare invece Fighting Fantasy Essence pubblicata su caponata meccanica.

Continua a leggere

Fonti di ispirazione per il gioco di ruolo in solitario.

Giocare di ruolo da soli è un’esperienza che può essere molto interessante, ma è sicura mente diverso dal gioco classico nel quale il punto fondamentale è l’interazione e sono necessarie molte idee per mantenere viva la storia.

Giocare in solitario un gdr è un’esperienza simile ad un librogame del quale si conosce il contenuto solo in maniera parziale e fumosa o al dipanarsi di una storia di cui si ha un’idea generale, che va approfondita.

Oltre ad una considerevole riserva di generatori casuali e di tabelle colme di oracoli, una delle cose più importanti da avere a disposizione sono le idee. Finora tutte le volte in cui mi sono arenato è stato perché non ero in grado di interpretare il risultato dell’emulatore di dungeon master.

La mancanza di idee è anche il motivo che mi ha portato a smettere di giocare la partita alla ricerca del Sacro Graal nell’era di Cthulhu e che ora mi sta portando ad abbandonare la campagna di Dark Sun, forse per tornare alla partita precedente e forse per andare a giocare a Kata Kumbas su Laitia.

Nelle partite fra più giocatori le idee, le trovate bislacche e le fonti di ispirazione nascono al tavolo dal dialogo fra i giocatori e in genere è un flusso virtuoso che si auto alimenta.

Nelle partite in solitario invece purtroppo le idee raramente emergono dalla partita ma vanno cercate fuori

Oggi un’ispirazione mi è venuta leggendo su lost pages un possibile approccio per l’esplorazione di una città perduta nel deserto guidati da un oscuro poema relativo alla sua caduta. Una cosa di questo genere si potrebbe provare a riutilizzarla anche in Dark Sun.

La ricerca del santo Graal – la dama del lago

Finita l’inclusione nel mondo di Dark Sun presumibilmente riprenderò a giocare la ricerca del santo Graal nell’era di Cthulhu. La prossima tappa del Viaggio di Rose e Sir Brian sarà il mistico lago della Dama.

Originariamente Dama del Lago era un personaggio del ciclo arturiano, viene talvolta rappresentata come colei che consegna a Re Artù la spada Excalibur, come colei che porta il re morente ad Avalon e come colei che seduce e imprigiona il Mago Merlino. Nella mia avventura nell’Inghilterra post apocalittica non è ancora chiaro chi sia la dama, forse una creatura del mito sopravvissuta nei millenni, forse un post umano, forse un Androide o un Alieno.

Continua a leggere

Dark Sun – A Little of Knowledge – Il Wezeer

Eccoci ad un nuovo capitolo della mia operazione nostalgia di Dark Sun con le regole di Mythic e Dimensione Avventura. Non è così facile sopravvivere al deserto di Athas.

Scena 7 wezeer – proseguendo nel deserto verso il pomeriggio incrociamo un Wezeer e due Arakocha, che si stanno scontrano per il possesso di una sfera di cera.

Obiettivi: trovare un modo per sopravvivere nel deserto.

Vendicarsi della donna non morta

Vendicarsi della sorella di Sheeba

Scoprire chi ci sta osservando

Difendere Delkash dal re stregone e dall’alta sacerdotessa

Studiare il libro di magia del re stregone Kalid-Ma

Sviluppare la sotto trama di Muko

Arrivare a Tyr

Scoprire le vere intenzioni dello spirito dell’aria

Personaggi non giocanti

Aleka, guardia carovaniera sadica e fortemente disinibita, attualmente è schiava di Sheeba seviziata da lei e dagli ex schiavi

Abilità 7 resistenza 12 danno 2

Insensibile al dolore: ignora il danno del primo attacco andato a segno di ogni combattimento.

Delkash amante del re Kali-Ma che si è invaghita di Sheeba. È anche un libro degli incantesimi vivente.

Ex schiavi, 4 prigionieri del carro sono ancora vivi ci seguono con ritrosia

Abilità 4 resistenza 5 danno

Sheeba, nobile in disgrazia

Leigh’un druido halfling

Muko, un vagabondo molto fortunato

Sheeba, nobile in disgrazia

Leigh’un druido halfling

Il fattore caos scende a sette. Tiro un nove non ci sono imprevisti all’inizio di questa scena

Continua a leggere

Gloomforge Caverns

This is another map that i would like to use for the exploration of the subterrean stringhold of Keld in my current Dark Sun adventure

Dyson's Dodecahedron

Gloomforge Caverns (300dpi promo)
Gloomforge Caverns (300dpi promo)

There is the echoing sound of metal on metal under the hills of Mirnel Kuzek on the darkest nights of the year and some claim that on these same nights you can see a reddish glow emanating from a set of small rocky caves that now bear the name of the Gloomforge Caverns.

Gloomforge Caverns (1200dpi)
Gloomforge Caverns (1200dpi)

The reality is the Gloomforge Caverns were once a secret goblinoid base, a foothold for the forces of the ogre warlord Kisgrod Dornuug lead by one of the elite ragecursed diabolists. Their foothold did not last long and they were discovered and quietly slain by a team of covenlight elves. In the end, this precipitated the invasion of Kisgrod Dornugg and the rising of the hills themselves as mighty elementals at the beck and call of his diabolists.

Gloomforge Caverns (1200dpi - no grid)
Gloomforge Caverns (1200dpi – no grid)

Today the Gloomforge Caverns are still…

View original post 172 altre parole

Dark Sun – A Little of Knowledge – Il deserto

Nell’esperimento con Mythic, Dimensione Avventura e Dark Sun, sono arrivato ormai a metà dell’avventura introduttiva del campaing setting. Le aggiunte che ho preso da Iron Sworn si stanno rivelando estremamente utili, sebbene Mythic, fra i sistemi di emulazione di un game master che ho provato, si sia rivelato il sistema di gioco migliore finora.

Scena 6 deserto – proseguendo nel deserto il giorno successivo dovremmo avere un incontro tranquillo per recuperare risorse, visto il recente passato il condizionale è d’obbligo.

Il punto di vista è quello mio e di Kurik.

Obiettivi: trovare un modo per sopravvivere nel deserto.

Vendicarsi della donna non morta

Vendicarsi della sorella di Sheeba

Scoprire chi ci sta osservando

Sviluppare la sotto trama di Delkash

Arrivare a Tyr

Scoprire le vere intenzioni dello spirito dell’aria

Continua a leggere

Tornare a giocare a Kata Kumbas nel 2021

La necessità di giocare giochi di ruolo in solitario, a causa della mancanza di tempo e di persone con cui condividere la mia passione in questo periodo, mi sta facendo riprendere in mano tutte le ambientazioni per cui di norma faccio difficoltà a trovare qualcuno che le voglia provare.

Dopo aver ripreso in mano Cthulhu fantascientifico in versione politicamente scorretta e Dark Sun adesso sto meditando di dedicarmi anche una delle mie principali passioni: Kata Kumbas.

Voler giocare a Kata Kumbas porta alla domanda non banale: con quale sistema? Provo a fare una lista dei modi in cui oggi si potrebbe giocare a Kata Kumbas per vedere se sono adattabili al gioco in solitario.

Una prima possibilità, da non scartare, è il sistema originale. Sebbene il regolamento originale di Kata Kumbas sia datato e abbia molti dei difetti e pochi dei pregi di un sistema “vecchia scuola”, introducendo alcune semplificazioni il gioco potrebbe diventare gestibile per il gioco in solitario

Una seconda possibilità è utilizzare Kata Kumbas Redux di Marco Baudaz che rinfresca il regolamento originale cercando di eliminare tutta una serie di difetti e ha un’ottima grafica, andrebbero comunque operate delle semplificazioni, ma è indubbiamente una scelta migliore del regolamento originale.

C’è poi la possibilità di utilizzare il regolamento di Kata Kumbas per Savage Worlds. A livello di meccaniche Savage Worlds è indubbiamente più elegante del regolamento originale di Kata Kumbas e sono stati scritti anche un paio di librogame per tale sistema, però ci sono troppi dadi diversi da tirare per tale sistema e vista la mia esperienza con altre partite in solitario sono portato ad escludere che Savage Worlds sia la soluzione migliore per il gioco in solitario, sebbene D&D 5e abbia dimostrato di essere una soluzione ancora più pesante. Fintanto che gioco dal cellulare al parco e la scrivania di casa è occupata dallo smart working non è fattibile un sistema che richiede una pagina di scheda vari dadi e segnalini e carte da gioco, per quanto mi piaccia molto come modo di giocare e vorrei tirare fuori di nuovo i tarocchi di Louis Royo e le monetine di metallo.

Un sistema snello per Kata Kumbas sarebbe il Venture System che è stato utilizzato per il librogame il cavaliere della porta di livello, il principale difetto del Venture System è che risolve il combattimento con un’unica prova di caratteristica riesco / non riesco. Siccome a me i combattimenti piacciono con un minimo di articolazione questo sistema è scartato.

Un’altra ipotesi che sto meditando è di utilizzare Figiting Fantasy / Dimensione avventura per giocare a Kata Kumbas, il sistema ha già un punteggio per gestire fato / fortuna. La versione di Librogame’s Land include inoltre una caratteristica mentale e quindi basterebbe separare la caratteristica fisica in forza / destrezza. Nella guida al regolamento di Dimensione Avventura ci sono un numero sufficiente di classi ed equipaggiamenti di base per rendere interessante una partita in solitario. Un pro del sistema Fighting Fantasy è che lo ho già utilizzato due volte in accoppiata con Mythic e Ironsworn ottenendo buoni risultati.

Infine potrei utilizzare Ironsworn che ha comunque delle affinità con Kata Kumbas, ma il livello di complessità si allinea con quello di Savage Worlds, nel qual caso se devo fare degli adattamenti sarebbe meglio utilizzare Savage Worlds, magari un giorno proverò questo gioco nel suo setting originale, ma per ora non è in cima alla mia lista dei desideri.

Dark Sun – A Little of Knowledge – L’Oasi

Scena 5 oasi – proseguendo nel deserto troviamo quella che sembra una pozza d’acqua circondata dalla vegetazione.

Obiettivi: trovare un modo per sopravvivere nel deserto.

Vendicarsi della donna non morta

Vendicarsi della sorella di Sheeba

Scoprire chi ci sta osservando

Arrivare a Tyr

Scoprire le vere intenzioni dello spirito dell’aria

Personaggi non giocanti

Aleka, guardia carovaniera sadica e fortemente disinibita, attualmente è schiava di Sheeba.

Abilità 7 resistenza 12 danno 2

Ex schiavi, i prigionieri del carro che ci seguono con ritrosia

Abilità 4 resistenza 5 danno 2

Sheeba, nobile in disgrazia

Leigh’un druido halfling

Il fattore caos sale a 7, dopo l’ultimo incontro, tiro un 2 anche questa scena salta. In origine avrebbe dovuto essere un incontro con un mostro in grado di mimetizzarsi

Continua a leggere

Dark Sun – A Little of Knowledge – Macerie fumanti

In questo periodo, in cui sono tagliato fuori dalle mie normali opportunità di gioco, sto proseguendo a sperimentare con Mythic, Dimensione Avventura e Dark Sun.

Il gioco in solitario non è come quello fatto con altri giocatori, fosse anche solo in chat, ma almeno mi sta permettendo di prendere in mano alcuni progetti che consideravo ormai abbandonati. Inoltre dimensione avventura si sta dimostrando un sistema molto flessibile per quanto minimale.

Scena 4 macerie fumanti – Gli elfi se ne sono andati lasciando il carro distrutto. Frugando nei resti del carro troviamo il cadavere bruciato del comandante, da un cilindro in osso riusciamo a recuperare una mappa semi leggibile

Obiettivi: trovare un modo per sopravvivere nel deserto.

Vendicarsi della donna non morta

Vendicarsi della sorella di Sheeba

Scoprire le vere intenzioni dello spirito dell’aria

Personaggi non giocanti

Aleka, guardia carovaniera sadica e fortemente disinibita, attualmente è prigioniera del gruppo.

Sheeba, nobile in disgrazia

Leigh’un druido halfling

Fattore caos resta 6, tiro un 4 quindi la scena viene interrotta.

In questo esperimento la vicenda è raccontata dagli occhi del giocatore / Kurik. Questa volta il racconto non tratta temi particolarmente scabrosi.

Continua a leggere

The Ruined Keep of Madrual

I think that I will use this map to exolore the subterrean dwarven ruins under the village of Kled in Dark Sun

Dyson's Dodecahedron

The Nephilim Madrual arrived in these lands with an army of creatures from its home plane and was immediately besieged by the elves who had no interest in sharing their lands (or slaves) with the planar interloper. Madrual invested significantly in building up defenses against the elven strike forces and established a small line of defensive fortresses. The smaller fortresses are all gone, nothing remaining but the occasional moss-covered stones…

Ruined Keep of Madrual (300dpi promotional - no commercial license)
Ruined Keep of Madrual (300dpi promotional – no commercial license)

Of Madrual’s main keep, all that remains are the stumps of a pair of towers, a bit of wall, and a number of monolithic columns atop a hill that was once the rest of the keep. Beneath these ruins are three levels of understructures, also partially ruined by the assaults of the elves. While the surface ruins are home to a pair of giant eagles, they ignore the comings and…

View original post 345 altre parole