Dunque adesso si comincia a parlare di battaglie marine in cui spesso il gruppo le prendeva anche per colpa del “cannoniere” (Il signor Van der Vaals ) Che con i dadi era davvero la sfortuna in persona, adesso che fa il master ha perso questa sfortuna però!

I nostri corsari vengono informati dal governatore che il gruppo di francesi che ha rubato il router ( sarai contenta adesso bloodymary )
era entrato in città con un mercantile di nome Blanche Fleur e che corrompendo le guardie della città erano riusciti a penetrare nel palazzo del governatore senza  grossi problemi. Berscoth  riferisce inoltre che fonti sicure affermano di aver visto i francesi far vela verso l’isola di San Juan in territorio spagnolo a circa due giorni di navigazione da Antigua.
Dopo aver fatto le debite domande  il capitano Johnson e compagni  si recano alla nave dove il nostromo un certo Francis Smith (si lo so che ha lo stesso cognome del dottore ) presenta loro la ciurma e gli ufficiali e dopo una piccola discussione ( la metterò nell’angolo di  arlan) viene deciso che il sig. Van der Vaals prenderà il posto del vecchio ufficiale ai cannoni.
Il tempo di armare la nave ed il nostro gruppo si lancia alla ricerca della Blanche Fleur, incontrano purtroppo una piccola tempesta a circa un giorno di navigazione ma l’abilità di Johnson e della ciurma riescono e limitare i danni e ad arrivare a destinazione nel tempo stabilito. Il nostromo dice che c’è una piccola baia da dove si può tener d’occhio il porto di San Juan, il gruppo decide allora di aspettare la notte e mandare qualche spia in città per sapere se i francesi sono ancora nell’ isola.
Dopo circa due ore gli uomini mandati in città tornano di gran carriera e riferiscono che la Blanche Fleur si sta preparando a lasciare il porto, immediatamente l’ Indipendent viene armata e la ciurma preparata alla battaglia, sempre su consiglio del nostromo Smith il gruppo decide di aspettare i francesi poco fuori dall’insenatura del porto a luci spente sfruttando la totale oscurità come sorpresa.
Dopo neanche mezz’ora i nostri corsari vedono chiaramente la Blanche Fleur dirigersi verso di loro incurante del pericolo che corre, Johnson ordina di lanciare la prima bordata, Van der Vaals coordina il tiro dei cannonieri cosa che non riesce molto bene, ma la nave è piuttosto vicina e comunque qualche colpo va a segno, il mercantile intanto è nel panico e la sua lentezza è uno svantaggio non da poco contro la corvetta di Johnson, che in pochi minuti si affianca e va all’arrembaggio!
La lotta sul ponte è molto feroce ma dopo poco pende a favore dei nostri corsari anche grazie alla straordinaria forza di Roy che da solo uccide e ferisce almeno quindici uomini, mentre Johnson uccide in duello il capitano francese decretando quindi la fine dello scontro.
Johnson corre subito nella cabina del capitano per cercare il router e nota subito una  grande scrivania in legno massiccio, ma deve chiamare Van der Vaals  per aprire la complicata serratura di uno dei cassetti al cui interno si trova effettivamente un logoro libro scritto interamente a mano.
Intanto il dottor Smith applica le sue cure ai numerosi feriti dello scontro e suggerisce a Johnson di uccidere tutti i superstiti francesi, ma il nostro capitano dopo aver interamente saccheggiato la nave la lascia nelle mani dei superstiti con la fatidica frase: “Oggi la libertà vi è stata donata dal capitano John Johnson, ma non dimenticate che un giorno tornerà a riprendersela!” (veramente commovente  ).
Bene direte voi, missione compiuta, non è stata poi così difficile, insomma d’ altra parte era la loro prima avventura, ma leggete invece questo passo tratto da “ Le memorie di Rodrick Van der Vaals”:

13 gennaio1588
Con  ancora la grande vittoria del giorno addietro ad infiammarci gli animi eravamo a circa  un giorno di navigazione da Antigua, il mare era calmo e non suggeriva minimamente la grande tragedia a cui stavamo andando incontro!
La sera calò all’improvviso la nebbia si fece sempre più consistente tanto da sembrare il sudario di un morto, non si riusciva a vedere oltre i parapetti le nostre torce e lanterne erano del tutto inutili ci si sentiva davvero impotenti senza sapere dove si andava, il capitano ordinò di calare l’ancora e di fermarsi finche la nebbia non si fosse diradata, e poi tutto all’improvviso la nebbia si mosse e prese pian piano forma come se fosse  uscita da un sogno una nave affiancò la nostra, una nave piccola una corvetta forse, ma non si vedevano cannoni, solo alcuni uomini impegnati nel manovrare la nave probabilmente un piccolo mercantile.
E poi una voce chiara e forte “Amici siete anche voi sotto il servizio della regina di Inghilterra?” Inglesi, avevamo incontrato degli inglesi la paura svanì subito com’era arrivata il Capitano si sporse dal parapetto”Certo buon uomo siamo dei corsari di sua maestà!” l’altra nave si fermò e riuscii a vedere l’uomo che parlava un uomo alto ,asciutto ma muscoloso, faccia piena di sfida e sicurezza, capelli e pizzetto neri come la notte, occhi luminosi, quasi ardenti  tutto ma proprio tutto ispirava forza e fierezza, strano che un  uomo come quello fosse un semplice mercante.
Ma poi vidi una cosa che mi sconvolse la sua mano destra mancava del mignolo proprio come il diavolo dei teschi neri!
Corsi in direzione del capitano “ Come vi chiamate buon uomo?” “Io? Ho molti nomi caro Johnson…” Il modo in cui parlava, la sua cadenza non era inglese tentai di urlare di avvisare il Capitano ma un rumore a me molto noto mi soffoco le parole in gola,   erano boccaporti  che si aprivano e cannoni che ne venivano spinti fuori! “Tu chiamami RODRIGUEZ !” e poi Le mie orecchie esplosero, il parapetto esplose, l’uomo di fianco a me esplose! Persi l’equilibrio a caddi sul  ponte; era viscido, bagnato e una scheggia mi aveva colpito la spalla, mi rannicchiai sul legno ricoperto di sangue, chiusi gli occhi e misi le braccia a proteggermi la testa, finche l’inferno intorno a me continuava ad infuriare.

Un pensiero su “NAVIGAZIONE SU ACQUE PERICOLOSE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...