Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

I falsi dei.

Quando gli dei scesero in guerra tra di loro la terra tremò per dieci anni, i mari si tramutarono in sangue, le montagne si sgretolarono e piansero lacrime. L’orrore di quei giorni che cambiò la geografia del mondo di Laitìa è troppo raccapricciante perché esistano parole per descriverlo.

Saggi e filosofi, dimenticati ormai da molto tempo, specularono sulla possibilità che le anime delle persone decedute durante tale immane cataclisma non siano mai potute arrivare negli inferi per trovare il loro posto nell’ordine delle cose. Avrebbero invece vagato come masse di sentimenti negativi come paura, odio e rabbia, risvegliando cose assopite dai tempi della creazione perchè troppo orride e oscene per trovare uno spazio nell’ordine delle cose, fornendo loro nutrimento.

Questi saggi sono stati da tempo stati dimenticati e i loro scritti, mai copiati, sono ora solo polvere, quindi queste speculazioni sono ignote ai moderni abitanti di Rarte.

Però, quegli stessi saggi, ignorati e tacciati di follia o blasfemia, avevano ragione. Le concentrazioni di energia negativa vagarono per le terre dell’apocalisse, fino all’Hatria, il loro cuore più oscuro e malvagio, dove nutrirono delle forme orribili e allucinanti, le quali poi trovarono uomini, stanchi della lontananza delle divinità pristine, disposti ad adorarli come dei, e desiderosi di poter ottenere i loro miracoli di morte per soddisfare la loro brama di potere.

Tali divinità non possono essere incluse nelle fila dell’entità oscura, il male che incarnano è molto più primordiale e orribile. Inoltre più che di male, si dovrebbe parlare di una terribile forma di blasfemia verso tutta la creazione. Paragonare i falsi dei all’entità oscura, è come paragonare la follia di un dio alla divinità che l’ha originata. Non di meno la follia di una divinità è potente tanto quanto la divinità stessa e desiderosa di trovare adoratori e seguaci.

L’adorazione di tali divinità aliene, porta ad una pazzia, che non è semplice follia, ma un varco attraverso cui l’orrore cosmico può riversarsi nel modo di Rarte, una possessione molto peggiore di quella che i demoni riescono ad esercitare sugli uomini.

Fuori dalla Bacadia sono pochi coloro che adorano tali aberrazioni e non si consce molto dei riti con cui tali dei vengono adorati, ma è voce comunemente diffusa che questi culti debbano essere più abominevoli di quelli dedicati agli dei dell’entità contraria.


Ho creato quersta espansione del background per poter importare il werid tale nell’universo di K.K. perchè ne sono un appassionato anche se "paraddossalmente" non mi piace giocarlo nella sua abientazione Lovercraftiana, ma lo preferco ambientato in una veste pseudo medioevale (sono un appassionato di Valerio Evangelisti)… poi se ritenete che tradisca il background siete liberi di non giocarlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...