Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

Mutants and Mazes

“Amore… ancora oggi mi domando che senso abbia questa parola nell’era del nostro signore Cthulhu. Almeno non fintanto che, come tutti, mi genufletto al passaggio dei sacerdoti pazzi e benedico i colpi delle loro sferze sulla mia pelle.

Nell’era di R’leyh, di Tsathoggua, Nyralathotep, che spazio c’è per l’affetto e la tenerezza? No, sono tutte parole che le macchine da tempo ci hanno rubato, solo della mia razza è la maledizione di ricordarle.”

Fra alti e bassi ogni tanto continua anche il mio hobby sviluppo di una campagna fantascientifica basata sui miti di Cthulhu, un lavoro che prosegue su questo blog a fasi alterne, fin dai tempi lontani di Revedian e ha portato a varie revisioni ed evoluzioni fino alla pubblicazione di Reinassance. E ora che il progetto favole nere sembra naufragato per mancanza collaborazione, sono tornato a lavorare alla fantascienza fino a che i miei impegni me lo consentono.

Fino ad ora il lavoro che ho fatto sul gioco si è sempre appoggiato sulle regole di Heroquest con un paio di aggiunte, un approccio minimalista che puntava più al boardgame che al vero gdr. Ho sempre scartato il D20 che invece mi piace utilizzare per il fantasy perché tutte quelle abilità speciali e stregonerie non fanno bene ad un gioco horror che vuole avere elementi dark e di crudezza come ho osservato in altri post.

Poi negli ultimi giorni mi sono letto il regolamento di Mutant Future, scaricato ancora nel 2008 e mai aperto e ora sto valutando di prendere tutta l’ambientazione già sviluppate nell’ultimo anno e vedere se è utilizzabile con tale regolamento, o meglio con la versione che mischia Labirinth lord e Mutant Future (nel frattempo sono passato da giocare Cthulhu a giocare Kata Kumbas naturalmente). L’ispirazione mi è venuta anche leggendo questo blog

Io mio rapporto Labirinth lord è sempre stato un po’ turbolento anche se sono un grande estimatore del basic D&D, il mio primo gdr. Il principale vantaggio è che in 130 pagine si ha tutto quello che serve per giocare avendo un regolamento completo e non minimale, oggi come oggi un lusso. Personalmente però ritengo che ci siano alcune problematiche di bilanciamento che non sono state minimamente affrontate nella riedizione, mentre mi piace molto utilizzarlo assieme all’advanced companion, ottenendo più o meno tutti i vantaggi di AD&D senza l’aumento di complessità dello stesso.

Se il gioco vuole avere un approccio orientato più alla narrazione dell’avventura che al semplice uccidere un mostro dopo l’altro, alla fine è comunque necessario un regolamento ben strutturato. Vedremo se alla fine sarà Mutants and Mazes ad essere scelto. Spero a breve di fare un po’ di playtesting per capire se vale la pena di introdurre qualche house rule o lasciar perdere.

Annunci

3 Risposte

  1. Pingback: Esperimento: Razze per Mutant Future « Iho's Chronicles

  2. Sono davvero onorato per esser stato citato in questo blog. More to come!

    Mi piace

    1 settembre 2010 alle 11:49 pm

  3. Pingback: Labirinth Lord « Iho's Chronicles

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...