Aver letto la guida per uno sguardo nel buio, mi ha fatto venire una bizzarra idea. Poiché io ho in genere un forte astio verso la creazione casuale dei personaggi ho provato a creare un metodo per la creazione bilanciata.

Le qualità di basepartono da 8 e i personaggi hanno a disposizione 14 punti da suddividere fra le qualità, in base alla seguente tabella:

valore della qualità punti da spendere
8 0
9 1
10 2
11 3
12 5
13 7

A scanso di equivoci la spesa dei punti indicata non è cumulativa, ma indica il totale e per arrivare a quel valore della qualità.

Attacco, difesa, punti di energia astrale e di energia vitale, continuano a seguire le regole precedenti.

4 pensieri su “Regole opzionali per uno sguardo nel buio

  1. Solo le 5 qualità generiche, attacco e parata sono uguali per tutti quindi non vedo motivo di modificarle.

    L’idea è di non legare al caso la scelta delle classi “specialiste” la scelta è fra partire come avventurero con un parco di abilità generalmente medio alte, o aumentarne solo due per prendere una classe specialistica, ma ottenendo dei punteggi più bassi.
    Prendere due 12 costringe ad avere solo altri 4 punti per le restanti 3 qualità, prenderne due tredici implicherebbe avere le altre statistiche ad 8.

    E’ un metodo che utilizzo spesso in altri gdr compreso D&D vecchia versione.

    "Mi piace"

  2. sono d’accordo con te sulla creazione “tattica” del pg.
    i giocatori lanceranno dadi tutta la vita.. almeno alla creazione dell’avventuriero secondo me dovrebbero poter scegliere come crearlo, in maniera “tattica”.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...