Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

La foresta senza ritorno – Fra mistici e banditi

Dopo qualche mese di silenzio torno ad occuparmi di Kata Kumbas con un nuovo racconto sulle sessioni di gioco in 1 vs 1 de la Dama delle Spine. Colgo l’occasione per ringraziale No’Akei, autrice “silenziosa” del blog che si occupa della revisione di tutti i racconti e in particolare di quelli di Farnese che scriviamo a quattro mani.

Principessa,

come promesso, dopo essermi curata dalle ferite, ho ripreso la ricerca della strega che vi ha rubato la pergamena dinastica e ha ucciso Berus e Uguccione.

Assieme a Valentino, Torax e Ofelia mi sono addentrata nella foresta senza ritorno, il luogo in cui la lettera diceva la strega avrebbe atteso il giovane da me ucciso. Questa volta viste le disavventure passate abbiamo deciso di attraversare il luogo maledetto durante il giorno.

Proseguendo lungo il sentiero abbiamo trovato la cascina di un carbonaio che però ci ha accolto con una scure in mano mentre il figlio ci puntava contro un arco. L’uomo ci aveva scambiati per dei banditi e non ci fu verso di fargli intendere ragione. Certo dopo le mie ultime vicissitudini ho un aspetto non molto presentabile e la cupa figura di Torax non aiuta a rasserenare gli animi. Ofelia insinua che forse anche il mio carattere aspro abbia aiutato, ma ciò è falso perché ho solo trattato il villico con la giusta fermezza richiesta da un simile ignorante.

Lasciato il carbonaio prima che rischiassimo di venire alle mani ci siamo poi imbattuti nei veri banditi, a cui abbiamo requisito due fagiani, dopo averlo spediti a conoscere la misericordia del Signore Senza Tempo.

Verso il margine della foresta, poco prima dell’inizio della palude, abbiamo scoperto che vi è un mistico che risiede in una grotta. Sembra avere qualche sorta di potere sovrannaturale, perché ha voluto toccarmi il viso e poi mi ha profetato che la vera impresa non sarà scovare la strega ma comincerà uscita dalla foresta.

Quando Ofelia gli ha offerto i fagiani la voluto a tutti i costi toccare anche lei e le ha strattonato bruscamente un braccio. Mi ha quindi avvisato di stare attenta perché Ofelia nutre pensieri poco casti. Io ho replicato che è una cosa risaputa, visti i suoi trascorsi da ragazza di vita e avventuriera, ma lui ha ribattuto che lei nutre pensieri poco casti per me. La domanda vera è che pensieri abbia io per lei. Devo ammettere di essermi affezionata alla ragazza da quando l’ho presa sotto la mia protezione, ma non voglio pensare che possa essere qualcosa di più di una relazione fra maestro e discepolo, il mio unico desiderio è di correggerla nella via della fede. Ciò che è certo è che Ofelia deve imparare tenere maggiormente a bada i suoi pensieri, e penso che appena riusciremo ad uscire da questa foresta maledetta sarà utile rinfrescarle il ricordo dei colpi della mia sferza, per aiutarla a disciplinare il suo carattere.

Mi stupisce sempre la docilità e la mansuetudine con cui Ofelia si sottomette alla mia correzione nel sincero desiderio di essere migliore, ma mia principessa, anche se so che a voi interessa confrontarvi con me nella nostra diversa visione del mondo, sto divagando, in un momento che richiede urgenza.

Ringraziandoci per i fagiani il mistico ci ha lasciato andare pregandoci di fare attenzione alle bestie che infestano la palude. Abbiamo quindi cercato di aggirarla sulla riva, questo ci ha messo al riparo dagli uccelli carnivori che vi svolazzano al centro ma ci siamo imbattuti in alcuni banchi di erbe silicee estremamente taglienti che ci hanno ferito le gambe.

L’ultima prova prima di arrivare alle porte del castello in rovina abbiamo dovuto superarla su un ponte che attraversa un’area paludosa. Mentre camminavamo sulla struttura pericolante siamo stati attaccati da un’enorme bestia mostruosa irta di artigli e zanne dalla pelle a squame, la cui forma era troppo orribile per essere pienamente accettabile alla vista. Ogni tentativo di ferirla con le nostre armi e persino quelli di scacciarla con le mie preghiere hanno fallito.

In qualche modo Thorax ha avuto l’idea di provare a bloccarla con la sua forza, visto che le martellate erano inutili. Appena toccato il mostro è svanito e le ferite da noi subite sono guarite miracolosamente. Chiaramente la strega aveva lanciato un maleficio sul ponte, devo ancora incontrare quella meretrice ma le sue stregonerie mi hanno già stancata.

Ora è metà mattina e stiamo per entrare nel castello, vi ho scritto queste righe, Argenta, perché possiate sapere cosa può essermi capitato qualora non sentiate più parlare di me. Confido comunque, mia signora, che presto potrò tornare da voi con la pergamena in mio possesso e la testa della strega in un canestro, perché possiate piantarla di fronte alle mura del vostro castello.

Devotamente serva vostra,

Camelia Farnese.

post precedente – post successivo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...