La notte di CROATOAN si è conclusa. Siamo sopravvissuti all’orda degli zombie. Assieme a lady Neira siamo fuggiti dalle rovine brucianti di Coline de Chene e ci siamo rifugiati nel covo della regina Yusdrail, pagando il nostro ingresso con la vita della nobile.

La regina ha apprezzato l’umorismo insito nel fatto che la donna che l’ha esiliata sia sopravvissuta agli zombie solo per essere poi uccisa per mano sua. Se è per questo Yusdrail avrebbe voluto uccidere anche Baxos, il mutante. In effetti nessuno di noi aveva pensato di spiegare a quel ladruncolo quanto Yusdrail odi i mutanti.

Qui è ricomparsa anche Hira, la sacerdotessa Cindiceana, miracolosamente scampata al rogo di Coline de Chene nuovamente in se dopo lo stato catatonico in cui era vissuta per giorni, ma più folle di prima. Ha profetizzato la rinascita del dio Zargon, e quel pazzo di Tzhoggath/Willas si è messo in testa di voler attraversare il mare e andare nell’Impero Coloniale Rinato, a quanto sembra una delle personalità che lo possiedono ha dei conti in sospeso con tale divinità. Mi chiedo chi abbia fatto la fatica di attraversare il mare per invasare il corpo di un simile folle. Riguardo al monaco devo essere onesta, ma non ho ancora capito chi fra lui e la bestiaccia che gli siede sulla spalla sia il topo e chi l’umano.

Gli altri sciancati con cui ho a che fare sembrano voler dare corda al monaco. Non ho abbandonato quello schifo di luogo dove sono rimasta intrappolata per quasi un secolo in un sarcofago solo per poi esservi trascinata di nuovo da un pazzo. Inoltre aver combattuto una volta contro Zargon è stato più che sufficiente e non voglio dover reincotrare Ociba.

Se non altro la strada più veloce per giungere ad un porto da Coline de Chene passa per Carcosa, dove si trova il pozzo di Agen nel quale è rinchiusa la donna che devo liberare, quindi la mia missione non è a rischio. Se tutto va come progetto presto sarò libera dal controllo della Nobile Ociba e poi… beh, poi troverò sicuramente qualcosa da fare che includa la distruzione di quante più cose e persone possibile.

Per il viaggio la regina Yusdrail ci ha gentilmente fornito un carretto trainato da un mulo zoppo, unico superstite del villaggio di Coline de Chene, e un sacco di sale, che di questi tempi nel mondo civilizzato ha un enorme valore. Un dettagli che è meglio che la regina continui ad ignorare.

Tessa

Post precedentePost successivo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...