Cara principessa,

vi lascio questa missiva per ringraziarvi ancora una volta della vostra ospitalità e del vostro conforto in questo momento così difficile in cui mi sento tradita e denigrata persino dai miei fratelli nella fede. Ho come il timore che molti di coloro che professano il verbo del Signore Senza Tempo agiscano con due pesi e due misure.

Il custode del nostro ordine mi ha scritto una lettera per farmi sapere che nel segreto del suo cuore sa che ho agito nel giusto, ma non può evitarmi l’esilio dalla città di Maro.

Quando leggerete questa missiva sarò già partita per la Città Eterna, dove dovrò affrontare i miei detrattori e probabilmente anche la mia famiglia, è settimane che non scrivo più a mio padre e non nutro in verità alcun desiderio di rivederlo. Ma il motivo per cui vi ho scritto è che ho bisogno da voi di un consiglio in qualità di donna più avvezza di me delle cose del mondo.

La sera scorsa Ofelia è venuta nella mia camera mentre stavo andando a dormire e mi ha baciata… non è la prima volta che capita… ed è una cosa che mi lascia molto combattuta. Da un lato provo un grande attaccamento alla giovane mezz’elfa, un affetto che io stessa a volte preferirei negare perché incrina la mia compostezza.

Ofelia è una brava ragazza, una fedele devota che trae molto conforto dalla mortificazione corporale, ma viene da una vita dissoluta e disordinata, per usare un eufemismo. Probabilmente per lei è normale manifestare la propria devozione in maniere così spontanee… o almeno così pensavo.

Ma ieri sera si è infilata nuda sotto le mie coperte e voleva abbracciarmi… le ho detto che non è cosa buona che farebbero due persone a modo il che l’ha profondamente incupita. Ha detto di amarmi, ha detto che il suo impegno nel sopportate le punizioni che giustamente le propino non è la devozione di una sorella, ma di un’amante. Ho cercato di spiegarle che non è ciò che ci si aspetta da una fedele del Signore Senza Tempo, ma lei non si rende conto della cosa, o forse non vuole farlo. Le ho detto di tornare in camera sua, ma ha insistito per restare, asserendo che potrebbe essere una delle ultime notti passate insieme.

Alla fine mi sono arresa e le ho carezzato la testa fino a quando la ragazza non si è addormentata.

Poi sono rimasta a rigirarmi fra le coperte con una domanda… ma cosa significa veramente per me Ofelia?

Per qualche motivo ho paura che potrei rispondermi con una bugia.

Devotamente

Camelia Farnese

post precedentepost successivo.

Un pensiero su “La foresta senza ritorno – Ofelia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...