Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

Evoluzione di un PG single player

L’esperienza di giocare a Kata Kumbas con Camelia Farnese è stata una cosa un po’ strana e così mi è venuta nuovamente voglia di spendere due parole sull’argomento, oltre a quello già detto nella serie di articoli da gdr al racconto. https://ihoschronicles.wordpress.com/2011/04/10/da-gdr-al-racconto/.

Giocare 1 vs 1 è un’esperienza che ruota inscindibilmente sull’unico giocatore che prende parte alla storia, mentre tutti gli altri elementi finiscono per diventare intrinsecamente comprimari.

Qualunque  conflitto o discussione avviene con il master. A meno di non voler “rischiare” di sviare il giocatore il master si trova quindi obbligato a proporre persone che o hanno una idea propria ben chiara in testa o che asseconderanno i voleri del PG. Come conseguenza di  avere un unico giocatore come elemento “attivo”  tutte le decisioni finiscono per ruotare attorno a lui e i suo punto di vista diviene privilegiato. Salvo rari casi nessuno suggerisce nel bene o nel male cosa fare.

A questo punto abbiamo la possibilità di assistere a qualcosa che nel gdr classico avviene in maniera molto meno vistosa, il personaggio cresce, evolve e potrebbe riconsiderare le proprie posizioni o rendere ancora più estremiste.

Camelia Farnese era nato come un personaggio senza sostanza e senza biografia una “piatta” versione femminile di Nicholas Eymerich. E’ stato dialogando con gli altri personaggi che nel corso di una sessione di gioco che è nata la bozza della biografia di Camelia. Persino il nome  è nato molto dopo il cognome della donna. (N.d.A. io comunque la chiamo sempre per cognome Farnese) Per altro questo sistema di gioco il cui la biografia viene fatta in game non mi piace neppure un po’. La prova ha rivelato alcuni grandi difetti di questo approccio “New Wave”, si è costretti ogni due minuti a fermarsi e dire aspetta ripensiamoci oppure a domandare: adesso come andiamo avanti? Quindi si è tornati a stendere almeno uno straccio di biografia in base ai solidi principi vecchia scuola

Dal ruolo iniziale di zelota seguace dei roghi e delle frustate Camelia però è cresciuta. È rimasta contaminata dal mondo pagano che in teoria dovrebbe combattere e ha dato ai propri compromessi e alle proprie deviazioni più peso rispetto, alle scelte coraggiose fatte per tentare di sradicare gli aspetti malvagie e cruenti di tale mondo.

Nell’interpretare le proprie azioni a scelto di dare risalto agli elementi che la portano ad essere in disaccordo con i propri fratelli nella fede rispetto ai punti di contatto con loro e in molti casi si è fatta guidare nel giudicare gli eventi più dalle comunanze con il proprio passato che da un’oggettiva

Questo ha creato una storia con una profondità che forse non sempre traspare dai racconti del blog, in cui si sono potuti esplorare anche aspetti sulle motivazioni che la spingevano a compiere le proprie azioni non che lati che in un gdr normale non potrebbero mai emergere. Alla fine la vita le ha tirato un paio di calci in faccia che l’hanno fatta soffrire.

Ora Camelia Farnese si sente tradita, in alcuni casi a ragione, in altri a torto, da molte delle persone che ha conosciuto e che si aspettava avrebbero compreso le sue motivazione, è delusa e sta perdendo la fede… tutto sommato più delle avventure che dovrà ancora compiere, il vero aspetto interessante da giocare è se recupererà la prioria fede nel Signore Senza Tempo o abbandonerà definitivamente il manto del proprio ordine?

Annunci

8 Risposte

  1. Jamila

    Secondo me anche nel gdr con più giocatori c’è posto per l’evoluzione e la crescita dei pg. Dipende da quanto “spazio” viene lasciato per interagire, all’interpretazione; ma credo che ogni giocatore dovrebbe avere in mente perché il suo pg agisce in un modo anziché in un altro, anche se naturalmente non viene esplicitato durante l’azione di gioco.
    In partenza, J era pensata un po’ diversa da quella che è diventata; poi le sue scelte sono state influenzate anche dal rapporto con gli altri del gruppo.
    Il pg della campagna nuova si è rifiutato di compiere un’azione all’apparenza innocua, chiamandosi dietro le “ire” di altri pg. Non sanno ancora il perché di questo rifiuto, però hanno intuito che nel suo passato c’è qualcosa che la condiziona. Sta poi ai giocatori decidere, in base ai loro pg, se sono interessati a scoprire di più o no… è chiaro che i rapporti che nasceranno influenzeranno l’evoluzione dei personaggi, magari in direzioni che inizialmente nemmeno il giocatore aveva previsto. Il bello del gioco sta anche in questo, no? Giocando si crea la storia e si sviluppano i personaggi. Scheda e back ground sono solo il punto di partenza…

    Mi piace

    27 dicembre 2012 alle 3:14 pm

    • Non penso che nel gdr tradizionale i personaggi non evolvano, solo che a mio parere la cosa avviene in modo più “silenzioso” o meno “esplicito”, gli altri giocatori vedono il risultato delle decisioni e spesso restano un pezzo con la curiosità sul perché. A volte non si verrà mai a sapere.

      Personalmente quando c’erano più giocatori e ci vedevamo di persona, non ho passato mai un’intera sessione solo a sproloquiare delle loro motivazioni, molti l’avrebbero considerato un torto nei confronti di chi era meno creativo nel bg e altri invece avrebbero chiesto di tagliare corto tutta quella noia.

      Quando si è solo in due le motivazioni che portano al cambiamento ho notato che diventano uno dei pochi elementi che mandano avanti l’avvenuta, se escludiamo l’insopportabile caratterino di Camelia Farnese che la caccia sempre nei guai e le fa trovare più nemici che alleati.

      Mi piace

      27 dicembre 2012 alle 7:50 pm

      • Jamila

        Se intendi “durante” le sessioni di gioco, è logico. Però c’è, e a volte in maniera evidente, se no mancherebbe qualcosa. Molto di rado “interrompiamo” una sessione per chiarimenti di questo tipo con la master. Capita invece di farli “fuori gioco” (tipo via mail), se riteniamo che un evento, un dialogo, un confronto ecc. abbia lasciato il segno e portato il pg a modificare il suo pensiero e il suo atteggiamento.
        Nel caso specifico di J poi, come già detto da qualche parte, molti “particolari” si sono definiti proprio in fase di stesura dei resoconti (e quindi, comunque, fuori sessione).
        Non è che se c’è più di un personaggio non si può fare, solo servono altre modalità. Di certo, come dicevi, non puoi passare una sessione di gioco a sproloquiare sul perché e il per come di un pg…

        Mi piace

        27 dicembre 2012 alle 9:42 pm

  2. No'Akei

    Camelia non ha un carattere insopportabile, ha solo le idee ben chiare! 😛
    Comunque è vero, se fosse un pg in un gruppo probabilmente questa crisi e tutto quel che ne consegue non sarebbero nemmeno mai venuti fuori, comunque penso che dopo gli ‘avvenimenti recenti’ (non voglio spoilerare nulla :P) resterà un cavaliere della fede.

    Mi piace

    27 dicembre 2012 alle 8:17 pm

    • Jamila

      E’ vero, non ha un carattere insopportabile, ha solo delle idee ben precise. 🙂
      Non so, secondo me la crisi avrebbe dovuto venire fuori lo stesso. Poi magari non sarebbe stata vissuta/gestita nello stesso modo, però…
      Ora sono curiosa sul seguito della storia!

      Mi piace

      27 dicembre 2012 alle 9:49 pm

      • La storia ha nel seguito delle evoluzioni “drammatiche”… ci sarebbero pronti già 5 post ma la fidanzata deve ancora rileggerli e revisionarli e attualmente è relativamente impegnata.

        Su questo blog non si nota molto, ma il lavoro di No’Akei è estremamente importante per la buona conduzione di Iho’s Chronicles.

        Mi piace

        29 dicembre 2012 alle 2:25 pm

  3. Kuduk

    Ursha, scusa il ritardo, auguri di buon anno perchè quelli di Natale sono già passati!!!

    Mi piace

    29 dicembre 2012 alle 10:58 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...