Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

Il male Lupino

“E molti studiosi della natura e medici del mondo antico parlano di quel male lupino detto Licantropia o Cinantropia, che rende gli uomini folli bestie, fa rivoltare loro la pelle sottosopra e snudar zanne e artigli, per pascersi degli uomini e andar chini per la via a frugar tra i sepolcri.” – Mauro Longo, il Decameron dei Morti

La risposta scientifica è che molto semplicemente gli effetti della rabbia nel passato sono spesso stati confusi e mitizzati con la licantropia.

La risposta che immagino la preferita dall’autore di Ultima Forsan è che ciò che si chiamava Licantropia fosse in realtà il male dei morti e che come per altri miti ciò sia riconducibile al flagello.

Ma poichè a volte l’interpretazione letterale dei fatti può superare anche la realtà io mi tengo anche aperta l’ipotesi che magari i licantropi esistano veramente, così come le bestie immonde partorite dalle regioni più selvagge della Persia. Attulmente Ultima Forsan ci mette a disposizione fondamentalmente i seguenti tipi di nemici:

  1. I Morti
  2. Gli Abonimi creati incollando i cadaveri con l’atramento
  3. I pazzi Necromanti che hanno creato gli abomini
  4. Gli umani +/- privi di scupoli

Alla lunga la cosa può diventare noiosa e una volta ogni tanto può anche esssere divertente ritrovarsi davanti l’inaspettato, altrimenti a lungo andare si cade ne già visto…

Magari vado a caccia dell’ossesso di turno e mi aspetto che le mie tattiche cosolidate funzionino e invece scopro che la creatura lupesca che mi assale non ha nulla del morto e stranamente le mie armi non sono efficaci neppure se miro alla testa…

Magari mi aspetto un’egemone e invece mi trovo contro un succube…

Poi capita che lo stipite di una casa magari presenti uno strano segno in giallo…

A mio parere gli zombie devono esssere il vero motivo di azione di un gioco come Ultima Forsan, ma non è scritto da nessuna parte che debbano esiste solo quelli, almeno non nell’immagginario di alcuni degli sventurati protagonisti del primo Decameron dei Morti, che hanno visto il mondo e viaggiato più di altri.

Il licantropo del manuale base di Savage Worlds può tranquillamente fare allo scopo di fornire un cudele diversivo e spiazzare i giocatori senza apportargli grandi modifiche, ma se vogliamo rendere le cose più horror potremo alzare il livello di difficoltà dicendo che l’infezione avviene anche quando si subisce una ferita e si fallisce un test di vigore, oppure al ragigungimento dell’incoscenza e non solo alla morte.

Ovviamente un licantropo potrebbe anche diventare un morto o peggio un egemone ed essere veramente un avverario ostico per gli avveturieri.

La cosa importante è che questa divergenza dal canone dell’ambientazione dovrebbe servire ad accrescere il senso di pericolo e mistero, dare l’idea della presnza di portenti inspiegabili ben oltre la limitata comprensione dei giocatori, spiazzare gli avveturieri e fornire un diversivo, ma mantere comunque l’attenzione incentrata sui morti e non prederne il posto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...