Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

Poeti guerrieri in unrinascimento macabro

“E quegli che contro alla mia età parlando vanno, mostrano di non sapere che, perché il porro abbia il capo bianco, si necessita che la coda sia verde. Ai quali lasciando stare il motteggiare dietro alle spalle, rispondo che io mai vergogna reputerò infino nello estremo della vita di dover compiacere a quelle cose per le quali si tengono in grande onore Guido Cavalcanti e Dante Alighieri già vecchi, e messer Cino da Pistoia vecchissimo: cacciar demonii e salutar donzelle!” – Maurlo Longo il Decameron dei Morti

Un archetipo che attulalmente trovo mancare nel mauale di Ultima Forsan è quello del poeta guerriero, un’uomo di armi e discorso, perchè ne ferisce più la penna che la spada. Il poeta è in genere un nobile decaduto, uno studioso o un artista eccentrico le cui maniere sono supportae a nche da un certo grado di prestanza fisica

A mio parere un personaggio del genere dovrebbe avere puntieggi alti in spirito o intellgienza e in agilità, probabilmente vigore o forza potrebbero esserne lievemente penalizzate, un set completto di svantaggi potrebbe esssere utile per avere un dado extra sugli attributi e due talenti per iniziare il gioco. Indubbiamente il poeta dovrebbe avere, carismatico, affascinate o nobile e un taleto di cobattimento, tipo arma favorita o primo colpo, evetualmente fortuna. Non dovrebbero mancare abilità quali combattere, persuasione, provocare, qualche conoscenza evetualmente un paio di skill di agilità.

Il poeta dovrebbe esssere presuntuoso, potrebbe avere qualce problema legato al suo comportamento da donnaiolo, tipo un nemico, potrebbe avere cattive abitudini o essere eccentrico.

Un personaggio del genere ha del grande potenziale per essere un magnete di calamità in un gioco come Savage Worlds

Annunci

4 Risposte

  1. No'Akei

    Marco Volo anyone?

    Mi piace

    14 gennaio 2015 alle 8:48 pm

    • Attenti a quello che chiedete perchè Marco Volo potrebbe arrivare…

      Mi piace

      14 gennaio 2015 alle 8:51 pm

  2. Entrino in scena Messer Ludovico Ariosto, letterato e reggitore del Castello di Canossa, e Sire Francesco Guicciardini, anch’egli uomo di lettere nonché Podestà di Modena e promotore della Lega di Canossa, la quale nasce per perseguire la riconquista della Selva della Romagna e dell’Emilia.

    Liked by 1 persona

    16 gennaio 2015 alle 10:39 am

    • Messer Ariosto temo abbia, da quanto afferma nella premessa dei suoi scritti sulla vera storia di Orlando, il problema che di un’amante che tenta di condurlo alla pazzia e della quale è almeno in parte succube…

      Mi piace

      16 gennaio 2015 alle 7:35 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...