Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

La Solitudine

Ogni tanto il lavoro stanca e serve staccare… Poi ricordo che stasera si gioca ad Ultma Forsam…

In un Rinascimento Macabro con sottofondo le note de “La Solitudine” di Laura Pausini….

Il Nibbio se n’è andato e non ritorna più
e Prospero fugge da Lucca senza lui
È un cuore di atramento senza l’anima
Nel freddo del mattino grigio di città

Ora il Bagatto è vuoto, Beatrix più non c’è
È orrore il suo respiro fra i pensieri miei
Distanze enormi sembrano dividerci
Ma il cuore batte forte dentro me

Chissà se tu ti pentirai
Se con i morti parli mai
Se ti nascondi come me
Sfuggi gli sguardi e te ne stai

Chiuso nel buio e nelle tenebre

Complotti contro la città e

Piangi non lo sai
Quanto altro male ti farà la solitudine

Annunci

2 Risposte

  1. Bellissimo!! Io ho cominciato così e ho finito scrivendo il Decameron dei morti… 😉

    Mi piace

    27 marzo 2015 alle 7:23 am

    • Io ho cominciato così e sono diventato ingegnere… 🙂

      Mi piace

      27 marzo 2015 alle 7:42 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...