Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

Ravengro

Fra una settimana lasceremo Ravengro per recarci a Lepistad e consegnare i documenti del professore ai sui colleghi dell’università. Io non ho ancora avuto modo di consultare il manuale sulla follia documentata e grazia a Kayela temo che neanche questa volta riuscirò a leggere la summa sulle aberrazioni.

Un’altr notte di preghiera, un’altra notte inginocchiata sui sassi del cortile di Kendra mentre con uno scudiscio mi percuoto la schiena. Il dolore che provo aiuta a rimettere ordine nei miei pensieri e chiamare le voci degli antichi e a risvegliare parte dei miei poteri che sento ancora latenti. La stregoneria che mi era stata promessa sta arrivando ma con incredibile lentezza… il sigillo degli antichi (antico simbolo di protezione contro le  energie negative) sulla mia coscia mi ha permesso di controllare l’energia positiva e il simbolo del gelo sul mio braccio rammenta la mia capacità di evocare il vuoto fra le stelle. La prossima stregoneria da imparare sarà il dardo incantato.

Sarei quasi tentata di andarmene e lasciare le altre tre ragazze a loro stesse, se le voci non mi ammonissero su quanto “sbagliato” sia il rituale che gli agenti della via sussurrante hanno commesso fuori dalle rovine di Harrowstone. Siamo legate dal destino noi quattro e sarebbe un grave errore ignorare il destino.

Shub Niggurarth rappresenta un’abbondanza gioiosa ed eccessiva, ma persino nelle sue incarnazioni più depravate e contorte produce sempre una vita per quanto barocca e deforme. Qualunque progetto abbia la via sussurrante non può in alcun modo essere contemplato negli schemi degli antichi.

E’ scocciante essere una profetessa, rimanere sempre inascoltata e non capire i significato delle proprie visioni.

Il mio unico rimpianto in quest’ultima settimana è stata la noia dell’inattività. dopo due settimane di crescente orrore fra le maledizioni e i fantasmi della prigione, essere passati improvvisamente ad un periodo di calma immota è altrettanto inquietante.

A parte la pubblicazione di un paio di libri sulle progenie stellari non ho fatto molto di utile e non sono riuscita a rimorchiare neanche un’amante. Anche se ho detto di aver lasciato quella parte della mia vita alle spalle la verità è che mi mancano le orge nei boschi in onore della mia dea.

Le considerazioni di Reveria in realtà non aggiungono alcun contenuto informativo alla cronaca della  campagna, ma sono un utile promemoria del motivo per cui in realtà lei segue il resto del gruppo nonostante le divergenze.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...