Partita di necromunda di venerdì sera.

Venerdì scorso partita sulla board di Doom invece che con gli scenari.

foto248

I Cawdor hanno schierato saggiamente nel quarto migliore del loro tavolo vicino alla stanza centrale

Le Esher hanno schierato due modelli nei corridoi esterni per fare bottino e infiltrato tre modelli vicino al nemico, un piccolo rischio che però potrebbe dare grandi frutti. Nello schieramento ho commesso l’errore di non portare il modello con l’arma pesante che può muovere e sparare.

foto250

Iniziano le escher e nonostante tre colpi di pistole e fucili solo un modello rimane leggermente ferito e pinnato. Consolido tre bottini ma forse ho rischiato troppo.

foto251

A questo punto il secondo errore è dei Cawdor. Un modello corre a prendere il bottino ma così facendo non può sparare. L’unico colpo sparato dai cawdor non sortisce effetto. Il leader si avvicina e con una spada potenziata è un osso duro… ma io ho tre modelli che possono sparare. I cawdor consolidano anche loro tre bottini

Carico il modello ferito e con un 6 e un 5 faccio un critico a +2 sulla tabella delle ferite e spedisco il Cawdor a venerare il suo imperatore dio nel warp. Le altre due ragazze sparano mandando a terra i loro bersagli.

foto252

 

 

Con tre modelli a terra di cui uno in coma i Cawdor decidono di ritirarsi in automatico. Potrebbero caricarmi le ragazze e uccidermene una ma poi le are due finirebbero il leader.

Alla fine Etruscilla si erge vittoriosa sulle rovine con 9 bottini raccolti su 12 in palio. Mentre i Cawdor hanno collezionato il loro primo modello storpiato a vita.

Partita di necromunda, strategie post partita

Personalmente il post partita è la parte che mi piace di più, dove bisogna spremersi le meningi per minimizzare i danni della partita terminata e massimizzare i pochi profitti racimolati.

Tutti e due abbiamo avuto tre modelli fuori il che non è esattamente un buon risultato. Per evitare mutilazioni troppo aberranti dei nostri modelli abbiamo deciso di prendere un risultato a nostra scelta per il modello peggiore invece di accettare tutti e tre i tiri sulla tabella dei danni permanenti.

No’Akei ha preso il bonus del gigant killer, quindi ha avuto un piccolo margine sui crediti ampiamente compensato dal fatto che a preso meno bottino di me e che aveva solo due uomini sani per andare a riscuotere sui suoi territori.

Abbastanza comunque per comprarsi la spada potenziata che le è stata resa disponibile sul mercato e ingaggiare anche lei un ratskin per neutralizzare il mio. Gli avanzamenti del suo le danno un notevole vantaggio in corpo a corpo.

Io avevo 4 bottini e ho deciso con un piccolo rischio di tirare 3 dadi per l’archeotech, sono stato fortunato ma non credo che ripeterò l’esperienza a breve. Dopo aver pagato il ratskin ora ho 95 crediti in saccoccia. A 210 crediti posso prendermi una seconda bestia, questa volta full optional, senza arma montata.

Ho inoltre un juve che può scegliere una skill a piacere e sarei tentato fra l’uso delle armi speciali per poi darle una bestia con un secondo plasma binato ad un costo però folle o darle medico ma tenerla in seconda linea.

Partita di necromunda di venerdì sera.

Vittoria meritata della fidanzata, che ha saputo gestire bene un turno di fuoco disastroso e un paio di disattenzioni di troppo da parte mia. Anche se ho fatto più kill point e preso più bottino la partita è terminata con una mia sconfitta. Con tre modelli fuori alla pari si può comunque parlare di un mezzo bagno di sangue per entrambi da cui per fortuna ci siamo ripresi tutti e due con molti illesi e un paio di modelli che hanno acquisito odio.

IMG_0144

IMG_0146
IMG_0147
IMG_0150
IMG_0151
IMG_0153

Una storia di vendetta e di sangue – Le rovine di una città

Alla fine restarono solo la devastazione e le fiamme, mentre la mia adorata creatura si arrampicava impietosa sulle guglie degli edifici in rovina. Mi sono messa a piangere dalla commozione alla vista dello scempio causato dalla mia cavalcatura e del brillio delle scie di plasma che scaturivano dal mio nuovo fucile (n.d.a. in realtà questo meraviglioso modello del costo di oltre 400 crediti fra cavalcatura, equipaggiamento e cavaliere non ha fatto nulla salvo sparare due raffiche di plasma a vuoto).

Salvo la povera Jenna’h, ferita malauguratamente da un bestikroot del nemico le altre mie guerriere sono uscite dallo scontro illese, mentre tre Cawdor sono stati trasportati via in barella dai loro commilitoni.

Devo complimentarmi in particolare con Orkid per aver steso un armiere non appena ha messo il naso fuori dal suo nascondiglio e facendo scappare via l’altro armiere che lo seguiva ed il loro un apprendista.

Penso che da qui inizierà la nascita di un nuovo impero del crimine.

post precedente – post successivo

Nuovamente un grazie di cuore a The Bard del club il grifone d’oro per avermi colorato il modello. Gli elementi scenici nella foto sono per cortesia del club stesso.

Una storia di vendetta e di sangue – Ho visto cose meravigliore

Quando l’esploratore Ratskin mi aveva riferito dell’antica volta sigillata non volevo crederci e sono comunque andata a controllare di persona…

Si ergeva di fronte a me, ancora semi addormentato, intrappolato da secoli in quella volta sotterranea, in uno stato di semi ibernazione, ricoperto di ragnatele e polvere, in molti punti consumato ed essiccato fino alle ossa ma ancora vivo.

Era semplicemente meraviglioso. Quando i miei occhi incontrarono il suo sguardo pieno di fame e di odio atavico è stato amore a prima vista. Finalmente una creatura che poteva capire il mio profondo desiderio di vendetta per chi mi aveva scaricato a languire in questo buco di immondezzaio.

Scagliai il Ratskin alla bestia per saziare la sua fame implacabile, infondo morto un esploratore se ne fa un altro ed era meglio che per ora nessuno sapesse di tale creatura. I Cawdor avevano ripreso baldanza e con una simile bestia al mio comando avrei finalmente insegnato loro a rispettare una regina.

post precedentepost successivo

Un grazie di cuore a The Bard del club il grifone d’oro per avermi colorato il modello.

Una storia di vendetta e di sangue – Razziatori

La rabbia che mi invade è enorme. Sono stata una stupida e mi sono lasciata scappare sotto il naso una fortuna in Archeotech a beneficio dei Cawdor e della marmaglia xeno.

Avrei dovuto andare a controllare la volta per prima assieme ad Orchid e Jena’h e non attardarmi per sollecitare le mie compagne ritardatarie, e già questo è stato un errore formidabile.

Quei disgraziati dei Cawdor erano già arrivati e si erano portati dietro anche dei mercenari, che poi si sono rivelati in realtà degli infami Eldar Oscuri. Che simili creature si siano infiltrate fin nella nostra città formicaio è un segnale preoccupante della decadenza del governo cittadino, ma che i Cawdor avessero deciso di allearsi con quei sadici mostri delle tenebre è impensabile, forse dovrei provare a far arrivare la voce agli Enforcers e vedere cosa succede.

Jena’h e Orchid asserragliate in una posizione svantaggiata hanno provato a tentare di dare del fuoco di copertura ad Elieth e al ratskin che avanzavano per cercare di recuperare qualche pezzo di archeotech, ma sono state attaccate da una bestia spaventosa che le ha sorprese alle spalle e Jena’h ha riportato delle gravi ferite.

Devo sempre ringraziare i miei juve se riesco ad ottenere qualcosa. Mentre Elieth e il ratskin rimanevano inchiodati dal fuoco nemico dietro i cumuli di macerie, la sorella di Elieth riusciva a recuperare un artefatto e scappare con il bottino.

Quando anche Elieth e il ratskin sono stai feriti, senza la mia presenza a rincuorarle le mie sorelle hanno perso completamente la speranza di vincere e sono scappate.

L’unica magra consolazione è che il bruciatore che abbiamo recuperato valeva 60 crediti della gilda e il ratskin tornando indietro ha trovato un giacimento di antiche scorie e scavandovi forse riusciremo ad ottenere qualcosa di buono.

Mi domando che regina io sia se non riesco neppure a fronteggiare una sparuta banda di Eldar infiltrati nella città.

Se non altro Eldar e Cawdor poi sono comunque venuti alle mani e ho saputo che uno dei Cawdor è rimasto gravemente ferito ad un braccio, come gesto distensivo avevo proposto di prestare loro i servigi medici di Jena’h, logicamente per un giusto compenso. Cure che sono state comunque rifiutate.

post precedentepost successivo

Una storia di vendetta e di sangue – Archeotech

Ci sono voci che si muovono insistenti qui nell’Underhive di una nuova volta da millenni chiusa e ora nuovamente accessibile dopo l’ultimo terremoto. Una nuova volta dell’era precedente all’unificazione dell’impero significherebbe della “nuova” vecchia tecnologia che è possibile rivendere ai contrabbandieri.

Il Rastskin che ho assodato sostiene che potrebbe essere vero, si è avventurato a lungo fra i tunnel e i condotti e pensa di aver trovato un percorso diretto e abbastanza sicuro per raggiungere questa meravigliosa volta.

Siccome le voci corrono in fretta dovrò però sbrigarmi. Anche i miei vicini Cawdor hanno delle guide Ratskin nella loro banda e a quest’ora saranno sicuramente già in cammino in questa nuova corsa all’oro. I Van Saar invece pare che non siano in ricognizione, dopo il recente scontro con i Cawdor stanno dirigendo la loro attenzione verso altre aree dell’Underhive, se sono fortunata per un po’ di tempo non saranno più un mio problema.

Vorrei potermi organizzare meglio, ma il tempo corre e anche solo lasciare queste poche righe nel mio libro-giornale è uno spreco di tempo prezioso. Prenderò con me chi è qui presente e gli altri mi raggiungeranno appena possibile.

post precedentepost successivo

Una storia di vendetta e di sangue – Giustizia

Questa notte Orchid è venuta a trovarmi nella mia stanza e mi ha detto:

– Regina facci giustizia! L’uomo che tu tieni prigioniero ha ferito un donna che per tutte noi è una sorella e un’amica con cui abbiamo condiviso molte gioie e sofferenze.

Inoltre l’uomo a cui voi state meditando di risparmiare la vita ci ha attaccato per compiere una bravata e coprirci di ridicolo. Se voi lo risparmiate si saprà non solo fra i Cawdor, ma anche fra gli Orlock, i Goliath, i Van Saar, i Delaque, e persino fra le altre Escher, che la regina Etruschilla può essere schernita impunemente da ogni juve che abbia alzato troppo il gomito con il bacio di serpente.

Pertanto vi prego sorella e regina, per il rispetto che vi porto e per il rispetto del nome del clan, consentitemi di castrare l’infame che ha osato farci un simile affronto, affinché si sappia che i nostri fedeli sono tutelati! –

Ho risposto esasperata: – È giovane e per fortuna nessuno si è fatto del male. È un motivo per scatenare una faida? –

– Ma qualcuno poteva farsi male. Etruschilla, mia regina, non lasciare che il fardello di ciò che tu hai subito quando vivevi nell’alveare superiore ti porti ad essere magnanima o un domani quel serpente di un Cawdor, se risparmiato, ti accoltellerà alle spalle.-

– Questa storia del rispetto per le nostre Case è davvero così importante? –

– Per la nostra più delle altre, visto che siamo solo noi donne a doverne sostenere tutto il fardello. –

Quell’ultima frase mi fece vedere il giovane in una nuova luce, non era una testa calda ubriaca ed inesperta, era una delle tante persone che nella loro ignoranza si ponevano ad ostacolo nel mio cammino di vendetta, se li avessi risparmiati tutti non sarei mai arrivata ai miei parenti.

Dovevo cominciare ad affrontare la questione da un punto di vista più pragmatico, costi e benefici, anche se una vocina dentro di me mi diceva che era sbagliato. Obbligai la vocina a tacere:

– Se vendiamo un eunuco quanto possiamo guadagnare? –

– Ho già un contatto disponibile per 25 crediti, mia regina. Soldi sufficienti per comprare l’armatura che avete visto oggi dal contrabbandiere e a cui avete dovuto rinunciare. –

– Orchid, ti concedo giustizia, però anestetizza il giovane, non voglio sentire urla. –

Questa notte non dormirò al pensiero delle sofferenze che il giovane dovrà partire una volta nelle mani dei mercanti di schiavi e di quello che io ho patito in passato. In confronto ai miei parenti quel Cawdor non ha commesso nessuna grave colpa per meritare di diventare un eunuco, un altro pensiero spiacevole con cui convivere.

Comincio a domandarmi se sono veramente migliore di mia cugina, ma so che domani starò meglio perché saprò di aver reso giustizia a coloro che mi sono veramente fedeli e di aver trovato altro denaro per provvedere alle loro necessità.

(N.d.r. è incredibile in cosa si possa trasformare un semplice tiro di 1d6 x5 in seguito ad un risultato di catturato sulla tabella delle ferite gravi, quando si riflette sulle motivazioni ipotetiche che avrebbero potuto causare tale risultato)

post precedentepost successivo

Una storia di vendetta e di sangue – Morto un Cawdor se ne fa un altro

Il bello di Necromunda è che è un gioco semplice e violento, solo una decina di modellini a testa per un’ora di completa antisportività fra due bande di delinquenti che si sfidano per il territorio sono gli elementi che me lo fanno preferire al più blasonato warhammer.

Così mercoledì sera con a disposizione solo un giardino di Morr e le Tiles di Castle Ravenloft abbiamo cucinato un breve raid basato sulle regole di un’avventura presa da Fanatic Magazine, “Trial by Fire”.

Nessuno dei juve è uscito dal tavolo quindi per me l’avventura è vinta, però la fidanzata ha guadagnato quattro juve con almeno un livello a testa e 30 punti di equipaggiamento.

Avendone catturato uno ora io ho a disposizione un juve gratis con stubgun e boltpistol e sto valutando se tenermelo o venderlo come schiavo in modo da avere i soldi per comprarmi la mesh armour e al contempo avere i soldi per comprare una massive weapon senza dover rinunciare al ratskin con BS 5.

 

Rimpiango il periodo della mia vita in cui la mia attenzione sarebbe stata interamente assorbita dalla strana tresca in corso fra Jenna’h, Orchid ed Elieth. Speravo che i due armieri si sarebbero separati, invece hanno finito per dividersi la “provocante” Elieth. Purtroppo la realtà è che non sono più una ricca ragazza dell’alveare superiore, ora sono una regina che ha deciso di recuperare il suo posto nel mondo percorrendo una strada pavimentata di sangue. Le mie priorità sono mantenere il potere che ho conquistato e stare attenta alle nuove minacce: è sorto un nuovo leader fra i Cawdor, un uomo che pare sia riuscito ad attirare alcuni seguaci della vecchia banda e che sappia ispirare i giovani del suo clan. O piuttosto le giovani, visto che quattro ragazze teste calde hanno deciso di cercare di impressionarlo compiendo qualche gesto inconsulto.

Queste giovinette credevano che facendo un po’ di atti da teppista nel mio dominio avrebbero potuto guadagnarsi mantella e cappuccio della loro casata. Il che anche ci sta, ma perché abbiano deciso di portarsi dietro anche un ragazzo per fare un lavoro serio è una cosa che non riesco a spiegarmi.

Quello che odio è che io mi sia lasciata sorprendere da queste ragazzine, due delle quali sono riuscite a schivare la ronda di Jenna’h e Orchid e passare illese sotto il loro fuoco di sbarramento.

Jenna’h e altre due ragazze le hanno inseguite, ma la loro incursione era solo un diversivo. Mentre metà della mia banda era impegnata a dare la caccia alle due, altre due ragazzine e un ragazzo imbrattavano il mio trono con delle bombolette spray.

Ne è seguito uno scontro a fuoco nel quale i tre juve sono rimasti feriti, ma anche Tien Siang è caduta sotto i loro proiettili. Peggiore di tutti, la mia guida ratskin non è stata in grado di portare a segno neanche un colpo.

Quando sono ritornate dall’inseguimento le due ragazze hanno riportato il corpo di Jenna’h incosciente oltre a quello delle due assalitrici. Orchid per la rabbia di vedere la sua amante di vecchia data ferita e svenuta ha preso un contenitore di non so quale solvente chimico e l’ha gettato in faccia alla ragazza che l’aveva ferita. Ora la giovane Cawdor avrà un motivo in più per indossare maschera e cappuccio del suo clan.

Ho lasciato andare le ragazze portandosi dietro la loro amica urlante e sfigurata, ma devo ancora decidere il fato dell’uomo che ha osato aiutare le teppistelle nel portarci questo affronto e ferire Tien Siang. per ora è stato sbattuto in una fossa a fare compagnia ai ratti in attesa che io decida il suo destino.

Ho scoperto che tempo fa Orchid aveva trovato un libro di medicina e dopo aver passato molto tempo a sperimentare sui ratti giganti ora ha finalmente raggiunto un livello sufficiente per rammendare le ferite delle sue compagne, ora però vorrebbe provare qualcosa di più complesso. Sostiene che potremmo evirare il giovane e poi rivenderlo agli schiavisti della gilda come eunuco, si potrebbero fare anche 30 crediti con un po’ di fortuna.

Sono combattuta… Sarebbe ingiusto aver punito la ragazza che ha attentato alla vita Jenna’h e non fare altrettanto per l’uomo che ha ferito Tien Siang, anche se lievemete … D’altronde non mi sento in cuore di infliggere a qualcun altro una sorte simile a quella che mi ha portato a essere scacciata nell’Underhive.

post precedentepost successivo

Una storia di vendetta e di sangue – la caduta di un leader

Ho saputo che il capo di quei disgraziati dei Cawdor, che avevano osato attaccarmi, è stato ucciso in uno scontro contro dei Van Saar.

I Cawdor hanno tentato un’incursione in quattro contro la base dei Van Saar, ma la sfortuna deve continuare a perseguitarli perchè non sono riusciti ad eliminare nemmeno l’unica sentinella e questa ha lanciato l’allarme. Presi alle spalle due Cawdor sono morti impallinati, come si meritano.fra di essi vi era anche il loro leader, per cui attualmente la banda che mi aveva infastidito vaga allo sbando fra le rovine dell’Underhive. La vita a volte è effimera un giorno sei arrivato a capo di una banda di manigoldi  e il giorno successivo sei morto e sbeffeggiato… questo mi insegna che devo essere prudente o succederà anche a me.

Ora quel gruppo di zeloti è allo sbaraglio, ma ho sentito dire che un nuovo leader è già sorto ed è riuscito a raccogliere al suo seguito un paio di uomini della vecchia banda. Pare inoltre che i Van Saar abbiano recuperato una mappa dei ratskin, dovrò anch’io andare a fare loro una visita per scoprire se è vero e far loro presente che devono inchinarsi al mio potere.

Nel frattempo ho scoperto che Orchid si è invaghita di Elieth, la ragazza di cui non conoscevo il nome, che è riuscita a tenere la parte inferiore della piattaforma contro l’avanzata dei Cawdor. Spero che questo non porti alla discordia con la sua precedente compagna, l’alto armiere del mio gruppo, Jena’h. L’ultima cosa di cui ho bisogno è che qualcuno cominci una disputa per motivi futili.

Un po’ però le invidio, ricordo un tempo in cui mi piacevano gli uomini… mi domando se io potrò mai tornare a provare affetto per qualcuno, dopo tutta la violenza che ho subito. Sono stata tradita dal mio stesso sangue, da coloro che consideravo la mia famiglia sebbene adottiva. Per loro non ero altro che un pezzo di carne, forse peggio: un sacco di patate…

Meglio che vada in ricognizione con il ratskin a vedere se trovo qualcosa di utile…

post precedentepost successivo

Una storia di vendetta e di sangue – I Cawdor

Una regina deve proteggere il suo regno. Specie da quei fanatici dei Cadwor, fieri sostenitori del culto imperiale e di quei folli dei redentoristi.

Non so cosa dia ai Cawdor la superbia di volersi ritenere i paladini del credo imperiale, qui dove non esiste nessun credo. Quelli che vivono nell’alveare inferiore sono tutti ladri, assassini e delinquenti, eppure loro si ritengono diversi o migliori. Ipocriti!

Non mi sono mai interessata delle loro beghe religiose, ma non potevo permettere che attraversassero impunemente le rovine dove i miei uomini vanno alla ricerca di manufatti dell’era pre-imperiale da rivendere alla gilda. Quindi mi sono recata di persona per decapitare un paio di teste.

Lo scontro, il primo da quando due villaggi dell’Underhive mi hanno acclamato regina, è sfortunatamente terminato senza l’uccisione di nessun avversario, ma un giovane Cawdor mi ha lasciato come trofeo tre dita dei piedi da aggiungere alla mia collana.

Ci siamo scontrati nei pressi di un’antica piattaforma di atterraggio, probabilmente giocattolo di qualche nobile. I Cawdor si sono arroccati in una cattedrale in rovina mentre noi li attendevamo in un vecchio fortilizio che presidiava la piattaforma di atterraggio.

Noi ci eravamo nascosti mentre Jena’h e Orchid dal piccolo bastione presidiavano l’area con i loro due mitragliatori, quelle ragazze hanno una cura maniacale nel maneggiare quelli che sembrano più che altro due cannoni e lo trattano con una sorta di venerazione blasfema. Si erano portate dietro anche una giovane recluta per cercare di insegnarle il mestiere.

Quello che non ci aspettavamo era che tre di quei bastardi uscissero dai condotti di areazione e si portassero dietro anche una guida ratskin. Per fortuna ne avevamo una anche noi quindi la conoscenza del territorio non era un loro vantaggio.

I tre infiltrati comparvero sulla piattaforma di atterraggio dove venero falciati dai colpi di Jena’h e Orchid
Da sotto la piattaforma dei Cawdor cercarono di caricarci, ma furono spiazzati da fuoco di copertura di una delle mie juve, una ragazza così insignificante che non ne conosco ancora neppure il nome. Dovrò mettermi di impegno per conoscere meglio i miei seguaci, questo episodio mi insegna che anche le persone più insignificanti potrebbero fare la differenza.

Visto il pessimo risultato a questo punto i Cawdor si sono ritirati, lasciandoci padrone del campo e miracolosamente illese. Si erano però presi tutto ciò che vi era di valore nella piattaforma di atterraggio quei bastardi. Mi consolai saccheggiando il fortilizio i tutto quello che era rimasto di utile.

post precedentepost successivo

Una storia di vendetta e di sangue – Etruschilla

Gli eretici sostengono che l’impero è guidato da un cadavere marcescente che si nutre delle anime e del sangue degli uomini.

Anime e sangue sono la materia prima su cui un impero morente sarebbe fondato. Mi sto rendendo conto che questa visione è sicuramente più vera della dottrina ufficiale. È sicuramente vera ad Hive Primus, la prima città alveare di Necromunda, dove i nobili della spira giocano a vestirsi da mostri del passato e cacciare i disgraziati confinati nei ghetti alla base dell’enorme città metallica, per abbattere la noia.

Io sono Etrushilla Escher, la regina dei dannati dell’alveare inferiore.

Sono stata trascinata in catene al cospetto dei Lord di Necromunda per scontare le colpe di mia cugina. Ero una vittima sacrificale preparata già da tempo a sua insaputa per coprire i misfatti della figlia di mia zia qualora fossero emersi alla luce. Mia madre non era riuscita ad raggiungere il suo obbiettivo commerciale quinquennale e quindi era caduta in disgrazia. Come risultato io ero stata presa quale attendente e contabile dai parenti facoltosi, con l’unico scopo a mia insaputa di addossarmi la colpa se una qualche frode sulle severe regole del commercio imperiale fosse stata scoperta.

Sono sopravvissuta alla frusta neurale, alla violenza e all’infamia e alla fine i miei carcerieri dopo essersi stancati di abusare del mio corpo mi hanno gettato via come un rifiuto a trovare la morte dove abita solo la feccia.

Ho scoperto che anche al di sotto delle fondamenta del primo alveare di Necromunda, dove un tempo vi era la città antica e ora i diseredati vivono fra le macerie e i rifiuti tossici, i legami familiari sono forti.

Ho così trovato una nuova famiglia di cui posso fidarmi. Una famiglia in cui le regole sono molto più semplici e oneste, uccidi o vieni uccisa.

Nutrita dall’odio della mia anziana protettrice, che è stata esiliata dalla sua famiglia per non aver voluto accettare un matrimonio di convenienza con un nobile dell’Anello Estero, a un milione di anni luce dalla sua attuale casa, ho appreso l’arte delle armi e sono diventata una guerriera temibile e spietata.

Molti uomini sono stati decapitati in una fontana di sangue sotto i denti della mia spada a catena, molti ancora dovranno morire perché il mio sogno di potere si realizzi.

Ora nove sorelle Escher servono la mia causa e due villaggi hanno già abdicato al mio potere.

Un giorno il mio dominio si espanderà al punto che potrò tornare nell’alveare superiore e uccidere mia zia e mia cugina per poi fare il bagno nel loro sangue. O forse le terrò vive perchè siano destinate all’arcoflagellazione, una fine ben peggiore.

 

post precedente – post successivo

Prologo – Un niente di fatto

Pianeta 345.678.934 secondo al denominazione imperiale, antico mondo natale degli squat, meglio noto agli orki come:
Kuel Grozzo Kumulo di Ferraglia.

Discorso del Kapo Gizkardo lo Zmazzolatore ai suoi ragatzi, dopo uno scontro contro dei cultisti di Slaneesh, appoggiati dagli eldar oscuri, conclusosi senza un chiaro vincitore:

“Kome penzate ke io pozza mettere in atto una whaag ze veniamo zu kuezto pianeta per ratziare le koze antike e poi ki fakkiamo battere dagli omi del kaoz!
Ziete degli inkompetenti, kombattete per un intero pomeriggio per zpakkare zolo due tezte?
Almeno avete rubato loro un po’ di koze zbrilukkikoze.
Torniamo alla baze e prendiamo armi ankora più grozze, poi zi torna e zi zpakka tutto!”