Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

Articoli con tag “survival horror

Into the odd

Ogni tanto su internet si possono trovare alcune piccole perle. Di recente ho scoperto un nuovo gioco di ruolo molto interessante come idee anche se troppo minimalista per i miei gusti.

Citando il Blogger che me lo ha fatto scoprire :

Into The Odd” il gioco di ruolo survival horror di Chris McDowall che cela nelle sue 24 pagine formattate precariamente ed illustrate alla buona, un gioco solido ed elegante nella sua semplicità.

Il gioco è ambientato in un mondo settecentesco che sotto molti aspetti somiglia al nostro ma che tende a differire per alcuni subdoli aspetti inquietanti rendendolo un gioco tendenzialmente horror.

All’inizio dell’era industriale avventurieri  e predoni vagano per i molti luoghi ancora inesplorati del mondo alla ricerca di potenti reliquie del passato dotate di straordinari poteri. Reliquie che a volte compaiono da sole dal mare e altre volte invece sono dotate di una volontà propria. Reliquie che con buona probabilità sono il frutto di una precedente epoca ad elevata tecnologia o costruzioni aliene,  ma che molti nel mondo di gioco potrebbero anche chiamare magia.

Generalmente le reliquie sono difese da robot, golem o dalle più disparate aberrazioni e si trovano in luoghi alquanto inquietanti ma che comunque stonano sempre volutamente con l’ambiente settecentesco che fa da contorno,  dopo tutto si è usciti dai rassicuranti confini del quotidiano per avventurarsi nel bizzarro. 

Poi ci sono le mega città,  che naturalmente costruite sopra a vecchissimi tunnel e cunicoli e i culti Astrali che possono andare da qualsiasi setta guidata da un imbroglione fino ai servitori di una intelligenza artificiale o agli adoratori di divinità aliene.

Come ogni buon gioco horror e con l’aiuto del suo approccio D&D vecchia maniera Into The Odd da la possibilità al giocatore di porsi parecchie domande sul mondo in cui si trova mano a mano che viene posto difronte all’inaspettato e offre in genere molte poche risposte. Se uno non è un tipo introspettivo il gioco funziona comunque benissimo anche come un hack and slash particolarmente mortale. 

Il gioco nella sua semplicità da dei buoni spunti ed ha molte tabelle di generazione casuale,  ancora di più sono disponibili nel sito dell’autore, però personalmente preferisco altri regolamenti di gioco meno Old School, anche se possiamo definirlo un gioco ben sopportato.

Visto l’approccio estremamente leggero alle regole il materiale è utile anche per essere utilizzato con altri regolamenti più generalisti. 

Si potrebbe giocare ad esempio utilizzando Savage Worlds con le regole per la Scienza Folle oppure con l’accoppiata Pathfinder e Technology Guide, magari con le regole per l’E6 per farlo più low magic.

È del materiale che potrebbe fornire un interessante approccio anche a Planescape.

Qui è disponibile una traduzione in Italiano.

Annunci

Lista dei nuovi survival blog ad oggi

E’ nuovamente l’inverno del 2015, ci sono nuovamente sciami di gialli la fuori e il web sta lentamente collassando assieme al resto della civiltà…

 

Ad oggi questi sono i Survival Blog che partecipano al progetto di revival

http://queenseptienna.livejournal.com

http://hushworks.blogspot.it/search/label/Survival Blog

http://manubibi.livejournal.com/tag survival blog

http://mooneyopenmind.livejournal.com/84383.html

http://gruppo12.iobloggo.com/

Avrei voluto partecipare ma devo tristemente constatare che il nuovo lavoro non mi lascia il tempo.


Dies Irae

Lo there do i see my father
lo there do i see my mother
and my sisters and my brothers…


…le cose brutte spesso ritornano.
Restando i tema di survival horror un’altra iniziativa che riprenderà a breve è la campagna di Sine Requie di Kuduk…

kudukpl.blogspot.it


Survival Blog, a volte ritornano

E’ nuovamente l’inverno del 2015, ci sono nuovamente sciami di gialli la fuori e il web sta lentamente collassando assieme al resto della civiltà…

A due anni di distanza un gruppo di ardimentosi sembra intenzionato a rivivere questa lotta per la sopravvivenza in un modo sconvolto e faccio loro i miei migliori auguri perché il precedente progetto survival blog ritengo che sia stato una delle migliori esperienze che ho avuto modo di leggere sul blog.

Sto meditando di riprendere in mano nuovamente Oscutità e apocalisse e riscrivere i vecchi testi del progetto in qualcosa di più lungo e più “decente” rispetto ai “rantoli” scribacchiatati dell’ultimo mese di vita del progetto, ma se era una cosa a cui facevo difficoltà a seguire con il vecchio lavoro temo che con questo nuovo sarebbe ancora più difficile.

In ogni caso faccio i mie auguri a Daniela visto che la speranza di vita dei partecipanti al survival blog è inferiore al 10% e tendono tutti a fare fini atroci.

Questo è il suo racconto di apertura

http://queenseptienna.livejournal.com/235667.html

“Ho sempre affermato che avrei voluto esserci in un’apocalisse zombie, ma cazzo, di zombie, non di appestati in grado di infettarti sputandoti in faccia.
I gialli sono vivi, sono intelligenti, sono persone. Per questo ho sempre preferito gli zombie.”

Mano a mano che scoverò i nuovi sopravvissuti vi terrò informato. Mi raccomando diffidate delle imitazioni.


La sottile linea rossa del plagio

Ho letto con piacere il progetto Survival BLOG, una gradita parentesi in un periodo difficile della mia vita, e verso la fine ho anche partecipato sebbene molto marginalmente. Ho anche preso alcuni spunti per le mie campagne di Cthulhu da quello che poi ho letto nei vari blog.

Di recente il progetto è stato vittima di un caso di “plagio” di cui si parla da qualche tempo.

La sottile linea rossa del plagio.

Di norma non intervengo in questo tipo di discussioni, ma effettivamente l’iniziativa (di cui tengo ancora il link alla pagina principale del progetto) a due anni di distanza) ha avuto una portata notevole e tutta questa storia probabilmente frutto di ingratitudine e pigrizia mi lascia un po’ l’amaro in bocca.


Zombicide trailer in Inglese

Interessante esempio del primo turno di gioco dello scenario introduttivo.

La strategia di sparare a due zombie per guadagnare esperienza al primo turno non si rivela a mio parere molto saggia perché riempie immediatamente la mappa di zombie e lascia un personaggio con un gap sensibile anche se in effetti permette di entrare nella stanza obbiettivo al secondo turno. Inoltre c’era solo il 50% delle possibilità che un simile azzardo riuscisse.


Zombicide – Nuovo gioco sugli Zombies

Nei tempi moderni il survival horror sta tornado di moda e ammetto che anch’io ci sto facendo un pensierino per il gdr, se non fosse per il problema di trvare i giocatori e di creare una campagna che non finisca per fare più male che bene ai giocatori.

Image

Sull’argomento zombie segnalo fra i boardgame questo progetto appena partito: . A vedere dal sito pare chiaro che per nostra fortuna sia prevista un localizzazione anche in italiano e non dovremo accontentarci di disperarci a tradurci a casa la versione anglofona..

http://guillotinegames.com/it/gioco

La parte interessante è che i modelli sono in scala 28 mm, quindi compatibili con più o meno tutto quello che è il materiale GW / Heroquest / Altri wargame e giochi di schermaglie

Trattandosi di una produzione dei designer della ex Rackham vederemo come andrà a finire perchè sembra sempre aleggiare su questi progetti una certa aria di maledizione incombente…

Comunque la buona notizia è che CmoN ha detto che a una settimana dall’apertura di un progetto Kikistarter per il gioco è già stato raccolto il capitale minimo richiesto per lo sviluppo e siamo già a più del doppio della base d’asta che era di 20.000 dollari, perciò almeno la scatola base di qui ad un anno dovremmo sperare di vederla. Per le espansioni chi vivrà vedrà, ma visto che se a fine turno ci sono due zombie nella stessa sezione di un eroe questo è morto sopravvivere sarà dura.

Image

Fra i pro vi sono sicuramente

  1. nove tiles urbane componibili fronte e retro permettono una enorme personalizzazione
  2. le miniature di sei eroi veramente tamarri ideali sono ideali anche per il modern
  3. sono presenti più versioni dei modelli degli zombie.
  4. essendo gli zombie mindless il gioco è collaborativo e senza master.

Bisognerà aspettare solo fino al secondo quarto del 2013 per sapere se il gioco andrà in porto…

Tutte le immagini sono copyright della  Guillotine Games, utilizzate senza permesso. Nessun affronto è inteso.