Giochi di ruolo, Kata Kumbas e molto altro ancora

Articoli con tag “Warhammer Fantasy Roleplay

Il nuovo prescelto

“Cittadini di Istengard vi sia noto che nella città di Marieburg un nuovo prescelto di Sigmar è sorto, ad un anno dalla morte di Valten.

Con l’avvicinarsi dell’ora più buia nuovamente il sommo padre dell’Impero ci mostra una giuda per affrontare le orde nere del Caos che vogliono travolgere l’ordine e la pace delle nostre contee.

Vi esorto popolo di Instgard unitevi anche voi alla moltitudine che già accorre ad acclamare il suo nome e portarlo in processione verso Altdorf.

Spargete la buona notizia il prescelto si è reincarnato.”

Parole di Mathilde Ermyne Aldedra pronunciate poco prima di essere raggiunta da un colpo di moschetto.

La prima sessione di Warhammer Fantasy rpg è iniziata subito con un furioso combattimento prima che la blaterante NPC potesse terminare di declamare il prologo con i personaggi ancora emeriti sconosciuti che si sono trovati ad essere gli unici rimasti nel fuggi fuggi generale ad affrontare dei mutanti.

Il tutto solo per poi sentirsi apostrofare come prescelti da una pazza fanatica.

Mai come in questo momento il Vecchio Mondo avrebbe bisogno di Eroi, ma sfortunatamente bisognerà accontentarsi di un acchiappa topi, di uno spezza scudi, di una strega e di una nobile decaduta. Tutti con dei tiri sfigati sulla vita è sul fato.


Mathilde Erhmine Aldedra, detta Lacrima

lacrima 3 doppioEra il 2011 quando gli SKUNK ANANSIE rilasciarono il singolo You God loves only you e l’anno dopo sulla scia del ritmo di quella canzone cominciai a studiare il personaggio di Mathilde Erhmine Aldredra, detta Lacrima, per la campagna i mille troni, volevo fare una prova vedere se con un po’ di sforzo dopo 8 anni di teatro potevo provare a giocare un personaggio femminile credibile. Assieme con il Cardilane Piccolomini per Savage Worlds, Lacrima è stata uno dei pochi PG che mi è piaciuto interpretare cone giocatore, in genere preferisco fare il master.

Era uno spasso giochicciare durate la partita con il ninnonolo che utilizavo per simulare il suo Rosarius e rimanere così concentrato nella parte.

Il personaggio per Wfrp nasceva con il massimo in costituzione ed aveva tirato il vantaggio fortunato che dava diritto ad un punto fato extra. Avevo deciso di giustificare il vantaggo con l’estrema fede e avevo pensato al background delle sorelle Sigmatire, che al tempo de “i milel troni” erano state sterminate… o forse no… di certo erano eretiche. Cominciava da servitrice e viste le statistiche volevo portarla a penitente, perciò doveva esssere probabilmente una sguattera di un convento.

Una guattera in un convento era faile che fosse stata maltrattata o peggio da qualche alto prelato e una cosa ha tirato l’altra in un background al vetriolo…

Nasceva così un personaggio abbastanza ambivalente per un mondo che esaspera il conflitto fra legge e caos, dotato di parecchio potenziale.

Poi la campagna finì male per incompatibilità fra master e giocatori, ma la voglia di giocare ancora quella creatura arrogante e vendicativa rimase.

lacrima3Ora che gioco ad Ultima Forsan mi è tornata la voglia di riprendere il mano il concept e svecchiarlo, dopo tutto Savage Worlds e Warhammer fantasy role play hanno molti punti in comune e la traduzione non è così difficile. Porebbe essser eil giusto contrappunto per un personaggio come Uguccione.

Il personaggio per warhammer aveva statistiche un po’ gonfiate visto che i tiri originali di Larima erano alti in carisma e costituzione, perciò ho usato i punti degli vantaggi per alzare spirito e vigore e le ho dato un solo talento, guarigione dovuto al suo passato ecclesiastico.

Ora si trova in una selva, ma appena sarà in grado di darsi una rassettata di sicuro acquisirà affascinante e poi sarà utile anche duro a morire giustificabile con il suoi trascorsi di dolore auto inflitto oppure tempra d’acciaio. Il personaggio originale voleva andare verso assassino, però anche l’associazione con gli inquisitori Teutonici nel mondo di Ultima Forsan potrebbe avere un suo perchè una volta che arriva la rago di navigato… il background di lacrima è al 99% riciclabile con pochissime variazioni del tipo sostituzione del caos con il flagello.

Tutto dipende dall’evetuale introduzione di un altro personaggio che potrebe avere ancora molto da dire, Camelia Farnese, la dama delle spine, protettirice della città sacra, flagello di Imola, sterminatrice di Albano ecc… una donna che ha un difficile rapporto con il Papato e che potrebbe essere un’inquisitrice o avere un titolo cavalleresco collegato ad Avignone quale cavaliere di san Lazzaro (avere nervi sandi senza requsiti è una grande cosa), Paldino o cavaliere Teutonico.

“Il mo nome è Mathilde Erhmine Aldedra, ma potete chiamarmi Lacrima, per ora sono solo una penitente, una povera emissaria papale sperduta nelle terre d’Italia, in trappola nella selva, ma mi sono ripromessa che sopravviverò e arriverà il giorno in cui si parlerà di me con un sussurro chiamandomi “la mano sinistra di Dio”.

Molti dicono che sono molto fortunata, ma in realtà ho solo imparato a lasciarmi guidare dalla voce del mio Dio e accettare i suoi suggerimenti. Molto devo aver peccato poiché molto Dio mi ha punita in passato e molto devo punirmi io ora per riacquistare la sua grazia. Devo frustarmi per le colpe dei miei genitori che mi hanno ceduta a delle monache eretiche, per le colpe delle mie consorelle che mi hanno educato erroneamente, per la mia colpa poiché ancora non riesco a vedere l’eresia che certo deve esserci negli insegnamenti di quelle donne e per le colpe che commetterò, poiché non avrò pace fino a quando il sangue del priore Von Honkelnhstalff non macchierà le mie mani, così come un tempo il mio sangue ha macchiato le sue dopo che pensavo di essermi salvata dalle torture degli inquisitori Teutonici.

Ultima punizione per i miei peccati è sicuramente l’essere finita in questa foresta piena di fiere e di morti in compagnia di Mascagno Uguccione”

Lacrima
PC Wild Card (3 bennies: Soak, unshake and act)
Race: Human
Attributes: Agility d6, Smarts d6, Spirit d8, Strength d6, Vigor d8
Skills: Fighting d6, Intimidation d8, Healing d6, Knowledge (Plague) d4, Knowledge (Religion) d6, Persuasion d8, Streetwise d6
Charisma: -; Pace: 6; Parry: 6; Toughness: 7 (1); Cash: $225
Gear: Leather armour (+1), short sword (Str+d6), small shield (Parry +1)
Hindrances: Arrogant (M), Vow (m), Vengeful (m)
Edges: Healer

La pattuglia perduta

E’ da poco terminata la narrazione dell’avventura one shot La Pattuglia Perduta (per Martelli da Guerra / Warhammer  Fantasy  Roleplay) sul blog di Ale e ora l’avventura creata da Nicholas è disponibile anche per il download.

L’avventura è molto interessante perché è improntata più sul rapporto fra i personaggi definito nel background che sulla missione assegnata dall’avventura. Nel corso della partita la missione diventa sempre più secondaria rispetto all’agenda personale di ogni singolo giocatore mentre si gioca in un crescente clima di sospetto e tensione.

Prevale in questa avventura un’atmosfera cupa dovuta al contrasto che inevitabilmente finirà per crearsi fra i vari personaggi che a mio parere ben si sposa con la tetra oscurità del mondo di Martelli da Guerra.

Anche se creata per warhammer fantasy roleplay,  l’avventura a mio parere può essere interessante da giocare anche con altre ambientazioni Dark Fantasy,  fra le quali personalmente stavo pensando di riutilizzare in Ultima Forsan. 

Qui trovate la cronaca della partita di Nicholas.

 


Lacrima e Mjolnir

Aver ripreso su Avventure del vecchio mondo a raccontare le storie di Lacrima e Mjolnir è stato un buon modo per riprendere in mano finalmente la storia di due dei migliori personaggi mai giocati da me e da No’Akei (la silenziosa coautrice di questo blog).

Questo mi ha portato a riprendere in mano alcune vecchie riflessioni uscite da un discorso con Jamila su due dei migliori personaggi mai interpretati da me e dalla fidanzata, che purtroppo hanno avuto una vita ludica troppo breve.

Miolnir è alta oltre il metro e settanta e ha dimostrato di saper utilizzare l’assurdo Martello che tiene sulla schiena, schiena completamente coperta da un tatuaggio di un lupo che balza nella neve. Partendo dalla professione di guerriero è destinata a rivolgersi per destino e vocazione verso la classe sacerdotale. Inoltre ha abbastanza punti fato per poter a ragione definirsi una prescelta.
Le sue due frasi fatte sono:
– So usare un martello che altro mi serve sapere? –
– Vorrei ricordarti che ben prima di Sigmar già il mio dio, Ulric, aveva un martello! –
Sotto molti aspetti è una copia della fidanzata con un guadagno di altezza di 10 cm

Mentre io interpreto una mingherlina sul metro e sessanta a cui un fortuito tiro di dadi ha permesso di avere 50 punti di costruzione già al primo livello sui 70 disponibili per un umano, elemento giustificato da una ferrea disciplina di fede a base di punizioni corporali.
Manco di un un mignolo, monito di una cuoca del monastero per il fatto che non si deve rubare e ho una gamba leggermente claudicante, causata da un incontro troppo ravvicinato con l’inquisizione quindi sono poco propensa a cacciarmi ancora nei guai a differenza della mia collega testa calda.
La mia progressione mi porterà presumibilmente ad uscire dalla carriera sacerdotale per intraprendere una strada abbastanza disonesta nel tentativo di vendicarmi per ciò che mi è stato fatto in passato.

La cosa spassosa di questi due personaggi è che quello che è ovvio per una pia, sadica e devota donna imperiale non è altrettanto ovvio per una ragazza cresciuta in un villaggio del freddo nord. E sinceramente interpreto una giovane troppo devota per dare spiegazioni ad una zotica ignorante o mettere per iscritto che suddetta zotica l’ha messa in difficoltà in una discussione. (o almeno era così alla seconda sessione di gioco)

per dire

Mjolnir “Perchè non hai ucciso subito chi ti ha oltraggiato?”

Lacrima “perchè altrimenti sarei stata fermata subito e condannata a morte”

Mjolnir “Io avrei combatto subito e sarei morta volentieri. E’ meglio essere uccise da un nemico che vivere nella vergogna”

Lacrima borbotta qualcosa adirata.

In genere io sfogo la mia frustrazione pianificando come bruciare la dannata Città di Marieburg.


Avventure per martelli da guerra

Questa è una piccola lista di siti di riferimento per chi cerca avventure e scenari per Martelli da Guerra o Warhammer fantasy Roleplay 2.

Avventure in italiano

http://www.wfrp.it/it/wfrp/avventure-intermezzi/index.php

Avventure in lingua inglese

http://www.madalfred.darcore.net/Scenarios.html

http://www.warpstone.org/downloads/scenarios.html


Attraverso il Darkvald – La notte nel bosco

Utengard, 20 messembre, tarda notte

Viaggio, giorno 2

Il secondo giorno di viaggio è stato molto tranquillo ma ora di sera Nonna Moescher era sparita. Me ne sono accorto perché ho sentito i bambini frignare. Ho Raccontato una fiaba della mia povera nonna (anche lei morta per il troppo lavoro presso i Von Carstein) ai bambini per farli star buoni mentre i miei compagni di disavventure convincevano il povero Hans ad accompagnarci nel bosco.

Qui ci siamo imbattuti in un gruppo di elfi che minacciavano la povera nonnina, sostenendo che fosse un’adoratrice del caos.

Ora potrei avere anche motivi per dubitare della nonna, ma le ho visto sgozzare un mutante di persona e ha curato tutti i feriti dell’attacco avvenuto prima della fuga dal villaggio e siamo ancora tutti vivi per raccontarlo. Inoltre odio gli elfi in generale e Gildril, il mago in particolare, quindi non intendo sentir dire da quei fighettini come un umano dovrebbe comportarsi. Certo d’ora in poi guarderò la nonna con molta più attenzione. Due incontri ravvicinati con la stregoneria mi sarebbero bastati, vorrei evitare di averne un terzo.

Io e il mago abbiamo parlato per una buona mezz’ora ma alla fine abbiamo trovato argomenti sufficienti per convincere gli elfi che la nonna è solo un’innocua vecchia che conosce poche semplici fatture.

Mentre riportiamo Nonna Moescher all’accampamento, su pressione delle domande di Tabatha, lei ammette di essere una fattucchiera e di essere stata fra i fondatori di Untergard. La nonna ha 200 anni, come tutti i maghi è molto longeva, e suo padre era morto per mano del Graf Sternhauner, a quanto sembra ci accomuna il fatto che le nostre famiglie sono state uccise dai nobili. Ci ha raccontato che ancora adesso il nipote dello Sternhauner della sua epoca, l’attuale Graf, è fuggito lasciando i suoi sudditi a morire di fronte alle orde del caos mentre lui si metteva in salvo al sud.

Visto il poco amore degli Sternhauer di Grimmenhagen verso Utengard, mi domando se non potessero esserci loro dietro all’attacco dei mutanti…

Forse è meglio se chiamo Tabatha, conosce alcune cose, imparate mentre serviva nelle galere, che dovrebbero distrarre la mia mente da simili pensieri funesti almeno fino a quando non prenderò sonno.

Scritto di suo pugno,

Vassili Radenko

Post Precedente – Post Successivo


Lacrima – l’aspetto del personaggio nel gioco

Un piccolo post auto celebrativo della mia vanità e della perizia della mia fidanzata con l’editor degli avatar di Subeta.

Questi sono i principali aspetti del mio secondo personaggio creato per Martelli da guerra. Un esercizio difficile in quanto sto cercando di recitare la parte di una donna relativamente credibile. In particolare per la terza è stato necessario anche un discreto editing con Photoshop perchè le vesti utilizzate non erano fra loro sovrapponibili.Ammentto che il passare del tempo diventa sempre più vanitosa e non vi è fine alle spese frivole che songa di collezionare.

la storia della nostra bella è cominciata qui